L’eleganza del Surrealismo” è il titolo della mostra che soddisferà i nostalgici di Salvator Dalì. Fino al 15 settembre un centinaio di opere icons che vanno dall’orologio molle, versione gioiello diamantoso/scintillante, all’elefante dalle gambe lunghe lunghe e sottili per ricordarci che siamo giganti con piedi d’argilla. Il tutto spalmato su un percorso espositivo in simbiosi fra arte, moda, palato e tanto glamour Fil rouge, Capri e lo stesso scenario mediterraneo della Catalogna, terra di origine di Dalí. Ma sono anche gli anni dell’incontro di Dalì con la psicanalisi di Freud. E una statua femminile, tutta protesa verso l’alto, è segmentata da tanti cassetti (mezzi aperti o mezzi chiusi, dipende da come li si voglia interpretare) all’altezza di punti chiave come maternità, sessualità e isteria, termine assolutamente all’avangarde in quell’epoca.

Il tutto pensato e realizzato dalla “Dalí Universe”, che fa capo a Beniamino Levi e a James Sanders intenta a promuovere Dalì nel mondo, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Meridionale, presieduto dall’avvocato Gennaro Famiglietti. Tra le location l’Hotel La Residenza, la piazzetta di Anacapri e il Porto Turistico che, mi dispiace per Dalì, rischia il collasso per l’invasione dei “militanti” usa e getta (vai alla voce distru-turismo).

Ma ritorniamo ad occuparci di belle visioni come come gli abiti ispirati dalla moglie musa e totem Gala. Tra questi quello riecheggiante la grande, carnosa e invitante bocca rossa stampata su tubino nero e quello con i baffi lungi e attorcigliati alla Dalì. I modelli, provenienti dal museo Dalì a Parigi, sono stati presentati durante un “surrealist” gala sulla terrazza Relais del Hotel La Palma con un menù stellato/gourmet a tema. Il Salotto delle Visioni per il clone di Dalì. Il museo Pan di Napoli mette in mostra le installazioni di Daniel Lismore, eccentrico (ma è un eufemismo) artista, designer e profumiere che sembra voglia esplorare tutte le diverse possibilità della creatività. Per lui, londinese d’adozione, vestirsi è un’opera d’arte. E’ sempre in tiro da sembrare un’installazione vivente. E i suoi abiti sembrano ora un’ armatura di samurai, ora una contaminazione bollywoodiana, ora una reinterpretazione dadaista della geisha.

Daniel insieme con il direttore creativo di Kreemart, Raphael Castoriano, ( uno che ha già lavorato con Marina Abramovic e Maurizio Cattelan ) sta pensando anche a un personalissimo “paestry portrait”, un suo ritratto olfattivo e gustoso, fatto tutto di macaron, utilizzando una ventina di sapori a lui ispirati. Ad alto tasso di zuccheri da consumarsi prima che il macaron vada a male, ha praticamente l’istantaneità di un “selfie”. Daniel, non si sa se riferirsi a un “lui” o una “lei”, già musa di Boy George che ha firmato la prefazione del suo ultimo libro: “Be yourself. Everyone also is taken”. Traduzione: Sii te stesso. Qualsiasi altra persona (vorresti essere) esiste già. Più autobiografico di così.“Daniel is a scream: hang him on may wall”, ha scritto un provocatorio Boy George. Traduzione: ‘Daniel è da urlo: impicchiamolo sul mio muro’. Ma poi corregge il tiro: “Daniel is Dalì last dream”.

Instagram januaria_piromallo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Annalaura dà i numeri della Smorfia e duetta con Eugenio Bennato

next
Articolo Successivo

E tu ce l’hai la sindrome di Trimalcione…? Ingordo, vizioso, decadente

next