“Soddisfatti, ma mai adagiarsi sugli allori vogliamo fare ancora di più”. Così l’amministratore delegato di Discovery Italia Alessandro Araimo, commentando il semestre record per il portfolio totale che mette a segno +12% di share in prime time. E sono tante le novità che riguardano il mondo che racchiude Nove, Real Time , Food Network, Dmax, Giallo, Eurosport e la piattaforma DPlay. Tante le conferme e ci sarà ampio spazio anche per gli spin-off dei programmi cult come “Bake Off” o “Cortesie per gli ospiti”. Non mancherà l’attualità, l’analisi politica e gli approfondimenti sociali, grazie anche alla collaborazione con Loft Produzioni con gli interventi di Peter Gomez, Andrea Scanzi, Luca Sommi, Marco Travaglio.”La collaborazione con loro proseguirà anche nei prossimi anni”, ha spiegato Araimo.

A sorpresa durante la presentazione alla stampa è intervenuta Daria Bignardi. “Un anno e mezzo fa ho iniziato a pensare cosa dire e come volevo dire le cose. – ha confessato la giornalista, presentando il nuovo programma ‘L’assedio’ al via il 16 ottobre – Ho avuto carta bianca e ne abbiamo parlato davvero molto con i vertici, avevo la voglia di raccontare la realtà, quello che viviamo. Ossia quello che ho sempre fatto io. Poi un giorno l’illuminazione. Mi sono detta ‘io, quello che voglio dire lo so fare soprattutto in un modo, attraverso il parlato con le persone’. Quindi intervistando, quello che ho sempre fatto perché sono curiosa e mi piacciono le storie. Stiamo già lavorando con il mio team storico de ‘Le Invasioni’. In questi anni siamo cresciuti molto e abbiamo ancora voglia di divertirci molto insieme. Insomma farò un assedio gioioso agli ospiti!”. Infine i vertici Discovery hanno seccamente smentito le trattative con la Gialappa’s Band. “Lo abbiamo appreso dalla stampa l’apertura e la chiusura del dialogo con loro”, ha dichiarato Araimo.

Palinsesti Discovery, l’atteso ritorno di Daria Bignardi sul Nove, Crozza confermato per tre anni, nessuna trattativa con la Gialappa’s Band

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fabio Fazio, la Rai fa chiarezza: “Compenso ridotto del 10-15%, eventuali nuovi impegni non avranno costi extra”

prev
Articolo Successivo

Palinsesti Rai, parlano gli esclusi. Cristina Parodi: “Non sono riuscita a parlare con nessuno”. Federico Quaranta: “Non conosco Beppe Convertini”

next