Ha eseguito male il lavoro che gli era stato assegnato e per questo la committente, la principessa saudita Hassa bin Salman, lo ha fatto picchiare e legare e poi lo ha costretto a baciarle i piedi per ore. Ora la donna, sorella del principe ereditario Mohammed Bin Salman, rischia una condanna a sei mesi di carcere con la condizionale e 5mila euro di multa. Tanto ha chiesto infatti l’accusa nel processo iniziato martedì a Parigi e la cui sentenza è attesa per il prossimo 12 settembre. I fatti risalgono al 2016 e si sono svolti proprio nella capitale francese.

Hassa bint Salman è accusata di aver chiesto a Rani Saidi, sua guardia del corpo e unico presente degli imputati ieri, di minacciare, picchiare e umiliare un idraulico chiamato per riparare una vasca. Secondo i legali della principessa però, l’uomo averebbe invece tentato di scattare foto non autorizzate del suo appartamento, ma – nel corso delle violenze subite – il telefono che conteneva le ipotetiche foto è stato distrutto: “Non sapremo mai cosa c’era su quelle foto”, ha osservato la procuratrice che ha sostenuto l’accusa. Nell’udienza, è emerso che la principessa, sorella dell’uomo forte di Riad, si sarebbe infuriata proprio per quelle foto, visto che “nessuno l’aveva mai fotografata da quando aveva 8 anni“. Ed ha sospettato che l’idraulico, Ashraf Eid, fosse una sorta di agente “al soldo dell’Isis”, “nemico del suo Paese”, pronto a rivendere le foto rubate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Va all’appuntamento con un uomo conosciuto Tinder e poi scompare: 24enne ritrovata smembrata

next
Articolo Successivo

“Vestita in modo volgare e offensivo”: passeggera viene fatta scendere dall’aereo. Lei ‘denuncia’ sui social

next