Chi se lo immagina un Sex and The City senza Carrie Bradshaw? Probabilmente nessuno. Eppure la popolare serie sarebbe potuta rimanere senza la sua protagonista. Il motivo? Sarah Jessica Parker, l’attrice che a Carrie dà il volto, ha raccontato a National Public Radio di essere stata molestata sul set e di aver chiesto ai produttori di intervenire, altrimenti avrebbe smesso di girare episodi.  “Credo che non importi quanto sei evoluta e moderna. Nonostante il mio ruolo non mi sentivo completamente nella posizione di parlare, non mi sentivo potente come l’uomo che si comportava in modo inappropriato”, ha detto, aggiungendo che “c’erano molte occasioni in cui accadeva”.

“Ne ho parlato con il mio agente, che l’ha poi comunicato ai produttori”, ha raccontato Sarah Jessica. E il suo agente intervenne, eccome: “Disse loro: ‘Se continua così, lascerà lo show… le ho mandato un biglietto, un biglietto di sola andata per lasciare la città e non tornerà più’. In poche ore, cambiò tutto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Creme solari, Altroconsumo: “Chiesto il ritiro dal mercato di due prodotti per bambini con protezione 50 che in realtà hanno fattore 20”

next
Articolo Successivo

Biglietti nominali per i concerti, le agenzie live in guerra: “Legge idiota, si puniscono il nostro lavoro e il pubblico”

next