“Solo cinque persone sono sopravvissute, mentre almeno 80 disperse“. Sono i numeri di un altro naufragio, riportato su Twitter da Alarm Phone, a largo di Zarzis, in Tunisia. I migranti erano a bordo di un gommone partito da Zwara, in Libia, a ovest di Tripoli. Nelle loro testimonanze, i sopravvissuti hanno raccontato che a bordo del gommone sarebbero state presenti 86 persone: stavano tentando di raggiungere l’Italia attraverso il mar Mediterraneo.

I cinque sopravvissuti, soccorsi ieri in mare, sono stati portati a Zarzis da pescatori tunisini. Uno di questi, originario della Costa d’Avorio, è morto in ospedale, mentre un maliano è ricoverato in terapia intensiva. Fonti locali riferiscono che la Mezzaluna Rossa tunisina e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) in coordinamento con le autorità tunisine, sono al lavoro per i soccorsi e le ricerche in mare, insieme ad alcune imbarcazioni di pescatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, ramo si stacca da un albero sul Lungo Tevere: 7 feriti, anche un neonato e una bambina di 2 anni

next
Articolo Successivo

Susa, avevano in caserma alcuni cimeli fascisti: due carabinieri sanzionati

next