Anche se ormai siamo abituati alle stranezze dei vip, non si finisce mai di stupirsi: Justin Bieber ha rivelato infatti sui social di dormire in una camera iperbarica. Non solo, di averne anche una “da viaggio“, ovvero una sorta di sacco a pelo cilindrico che, proprio come nel caso della camera, avvolge completamente chi lo utilizza e al suo interno ha un’alta concentrazione di ossigeno. Solitamente questo strumento viene usato negli ospedali per curare alcune patologia, specialmente quelle respiratorie, ma la giovane popstar lo usa invece come letto e sembra rilassarsi molto al suo interno, come mostra la foto da lui pubblicata su Instagram.

Justin Bieber non è però il primo a dormire abitualmente in una camera iperbarica: prima di lui anche Michael Jackson aveva svelato di utilizzarla per riposare. Il re del pop era infatti convinto che dormendo ogni notte al suo interno si sarebbe allungato la vita. Una convivenza che gli aveva attirato fin da subito moltissime critiche, le stese che ora vengono mosse contro Bieber, anche se non manca chi invece lo ritiene molto “cool”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

chillin in my hyperbaric chamber

Un post condiviso da Justin Bieber (@justinbieber) in data:

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Chiara Ferragni: “Una donna mi ha guardata poi ha detto a sua figlia ‘Non darle attenzione, non vedi che è una mer** senza trucco?’….”

next