“Per spararsi addosso ci vogliono cinque secondi, ma per guarire le ferite spesso non bastano cinquant’anni”. A dirlo è Gino Strada, fondatore di Emergency in occasione della festa per i 25 anni dell’organizzazione. Un lavoro che viene portato avanti dal 1994 costruendo ospedali aperti a chiunque in tutto il mondo . Il bilancio è di oltre dieci milioni di persone curate in questi primi venticinque anni di attività. Così, per festeggiare l’anniversario, Emergency è tornata nel luogo in cui è nata, a Milano dove si sta svolgendo l’incontro nazionale #diguerraedipace. Tre giorni di dibattiti, concerti e spettacoli per celebrare e rinnovare l’impegno dell’associazione: “Oggi viviamo un momento difficile, dove si criminalizza la solidarietà, ma sento che il vento sta tornado a sibilare, non dico a fischiare, sono ottimista”

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano Pride, il corteo dei 300mila visto dall’alto. Solidarietà ai migranti: “Mai visto un clima d’odio del genere”

next
Articolo Successivo

Al Pride quest’anno non ci vado. Eviterò la parata delle multinazionali

next