“Per spararsi addosso ci vogliono cinque secondi, ma per guarire le ferite spesso non bastano cinquant’anni”. A dirlo è Gino Strada, fondatore di Emergency in occasione della festa per i 25 anni dell’organizzazione. Un lavoro che viene portato avanti dal 1994 costruendo ospedali aperti a chiunque in tutto il mondo . Il bilancio è di oltre dieci milioni di persone curate in questi primi venticinque anni di attività. Così, per festeggiare l’anniversario, Emergency è tornata nel luogo in cui è nata, a Milano dove si sta svolgendo l’incontro nazionale #diguerraedipace. Tre giorni di dibattiti, concerti e spettacoli per celebrare e rinnovare l’impegno dell’associazione: “Oggi viviamo un momento difficile, dove si criminalizza la solidarietà, ma sento che il vento sta tornado a sibilare, non dico a fischiare, sono ottimista”

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano Pride, il corteo dei 300mila visto dall’alto. Solidarietà ai migranti: “Mai visto un clima d’odio del genere”

prev
Articolo Successivo

Al Pride quest’anno non ci vado. Eviterò la parata delle multinazionali

next