La leggenda vuole che in ogni casa napoletana ci sia uno spirito benevolo che la protegga: la Bella ‘Mbriana. Un spirito che ha il potere di far diventare bello un brutto, di arricchire un povero, di ringiovanire un vecchio. Ma ingraziarsi questo spirito misterioso non era affatto facile. Pare infatti che, gelosa della sua dimora, la Bella ‘Mbriana non rivelasse mai il suo aspetto: se si fosse provato a coglierla di sorpresa, lei scaltra si sarebbe trasformata in un geco o nascosta tra le pieghe di una tenda mossa dal vento. Ispirate dal mistero e dal senso di protezione emanati da una delle figure femminili più evocative della tradizione napoletana, due giovani e bellissime ragazze napoletane, Serena Russo e Rosaria Iadevaia, si sono inventate una particolarissima linea di cosmesi. E lo hanno fatto legando i prodotti, per ora sedici, alle storie della città.

“Ciascuno dei nostri prodotti – spiegano le ragazze – racconta una storia senza tempo, fortemente identitaria eppure universale. Una storia da custodire e condividere”. Allora ecco che il siero per la bellezza prende il nome della più bella delle sirene, Partenope. La Gatta Cenerentola, la celebre fiaba di Giambattista Basile riadattata a teatro dal Maestro Roberto De Simone, dà il nome al detergente per le pelli impure, perché la povera Cenerentola era sporca di fuliggine. E poi c’è l’antimacchie dedicato a Michelina una fiera e coraggiosa brigantessa, “Chi meglio di lei che avrà passato ore al sole cocente o al vento pungente delle montagne?”. Un’idea che poteva nascere solo a Napoli, una linea di cosmesi che non sfrutta la terra ma la rispetta e “La racconta come farebbe una mamma mentre intreccia i capelli della sua piccolina”. E una treccia di capelli è il logo che Serena e Rosaria hanno scelto per rappresentare la loro linea. Per salutare lo spirito di questa nuova “casa di bellezza” non ci sono parole migliori di quelle dell’omonima canzone di Pino Daniele: “Bonasera bella ‘mbriana mia, ccà nisciuno te votta fora”.

https://www.youtube.com/watch?v=_g54_2w3ICs

Ogni prodotto è legato a un nome leggendario o storico della città, come scegliete i nomi?

Li abbiamo scelti su un autobus in viaggio verso Roma. Le idee uscivano a fiumi senza che ce ne accorgessimo e ogni prodotto sembrava sposarsi perfettamente con una storia, una canzone, una leggenda.

Cosa avete di diverso dagli altri brand?

I prodotti sono ideati da due donne, giovani e dinamiche. Due lavoratrici. Due passionali. Donne completamente dentro la vita ed i suoi ritmi. Donne che si rivolgono ad altre donne comprendendone le esigenze, rispondendo con prodotti di altissima qualità, vegan, non testati su animali e biologici. Allestiti in un piccolo laboratorio, mantengono un prezzo concorrenziale rispetto ai competitors sul mercato.

Perché le donne dovrebbe scegliere i vostri prodotti?

Perché raccontano una storia e sono il risultato di un lavoro accurato non solo dal punto di vista dell’immagine ma soprattutto della loro composizione, attraverso la scelta di ingredienti biologici di altissima qualità.

Come e dove si possono acquistare i vostri prodotti?

Abbiamo un punto vendita presso la Farmacia centrale Iadevaia di Maddaloni e attraverso le nostre pagine Facebook e Instagram.

Cosa augurate alla vostra Bella ‘Mbriana?

Ci auguriamo di crescere insieme, avendo cura di non indispettirla mai. Assicurandole sempre qualità delle materie prime e storie della nostra terra da raccontare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il fratello Augusta ha tuonato: ‘Chiamatemi deputato’

next