OnePlus 7 è lo smartphone fratello minore del OnePlus 7 Pro e punta sul rapporto qualità/prezzo. Arriva in Italia con prezzi a partire da 559 euro, e in alcuni ambiti è in grado di dare filo da torcere anche ai top di gamma da 1.000 euro o più. I fiori all’occhiello sono prestazioni e software, anche se non sono male nemmeno il display e l’autonomia. Le carenze emergono in ambito fotografico quando si scatta in determinate condizioni, per la memoria non espandibile e la mancanza di certificazioni per l’impermeabilità. Appurato che l’esperienza utente non viene messa in discussione, c’è bisogno di qualche piccolo compromesso per decidere di acquistare un prodotto che è senza dubbio molto conveniente.

559 euro è la quotazione per la versione con 6 Gigabyte di memoria RAM e 128 Gigabyte di spazio di archiviazione. Il modello oggetto di recensione è invece il top di gamma, equipaggiato con 8 GB di RAM e 256 GB di spazio, che costa 609 euro di listino. Il concorrente diretto è lo Xiaomi Mi 9, che ha in dotazione lo stesso processore Snapdragon 855, e ha prezzi a partire da 449 euro.

Prestazioni e software

La piattaforma hardware promettente sulla carta, nei test si è dimostrata all’altezza delle aspettative. OnePlus 7 si è rivelato fluido e scattante, avvia le applicazioni all’istante, permette di navigare sul web senza problemi. Discorso analogo con i giochi con cui, però, si percepisce al tatto un po’ di calore attraverso il rivestimento posteriore. È qui che emerge l’importanza del sistema di raffreddamento a liquido in dotazione al fratello maggiore OnePlus 7 Pro, e assente in questo dispositivo per motivi di budget.

Il sistema operativo Android 9, personalizzato con l’interfaccia proprietaria OxygenOS, offre un’esperienza molto vicina, anche graficamente, a quella dei Google Pixel. Le pochissime aggiunte fatte dal produttore cinese non vanno a snaturare il sistema operativo così come concepito da Google. Questo approccio software ha sortito effetti positivi sulla piattaforma hardware (non appesantendola) e sull’autonomia. Con il nostro  approccio (misto tra LTE e Wi-Fi, due account mail attivi, centinaia di notifiche dai social ed app di messaggistica istantanea, oltre 2 ore di telefonate), abbiamo lavorato per 29 ore lontano dalla presa elettrica (1 giorno e 5 ore). Non male per una batteria da 3.700 mAh.

Abbiamo inoltre apprezzato la compatibilità con lo standard di ricarica rapida a 22W, che consente di portare la batteria da 0 al 70 percento in appena 45 minuti, usando il caricabatterie incluso nella confezione.

Design e schermo

Il design del OnePlus 7 è meno d’impatto rispetto alla versione Pro: la fotocamera anteriore non è a scomparsa, ma incastonata in un notch (la striscia scura nella parte alta dello schermo) che però ha una forma a goccia, moderna e poco invadente.

Il rivestimento è realizzato totalmente in vetro, i pulsanti fisici (volume e accensione) si raggiungono facilmente e si può usare lo smartphone con una sola mano. Come sempre l’effetto collaterale del vetro è scivoloso, per questo è consigliabile usare la cover in silicone inclusa nella confezione, che oltre tutto mette al riparo dalle ditate. Il modulo fotografico posteriore è lievemente sporgente: non crea problemi né di ergonomia né di stabilità quando si poggia il dispositivo su di un piano.

Lo schermo è praticamente lo stesso del OnePlus 6T: un modello AMOLED da 6,41 pollici caratterizzato da risoluzione di 1.080 x 2.340 pixel e rapporto di forma di 19,5:9. Si vede bene all’aperto, ha ampi angoli di visuale e la resa cromatica è convincente. Il pannello del OnePlus 7 Pro è su un altro livello, così come il prezzo. Da apprezzare la copertura con vetro Gorilla Glass 6 e l’integrazione del sensore biometrico, che funziona molto bene e riconosce l’impronte sempre al primo colpo.

La fruizione dei contenuti multimediali è esaltata dall’audio stereo, che fornisce una qualità buona e un volume apprezzabile, anche se c’è qualche distorsione quando si alza al massimo. Per quanto riguarda la connettività, sono da apprezzare Wi-Fi Dual-Band, Bluetooth 5.0 e NFC, ma manca la presa jack per le cuffie.

Comparto fotografico

Sul retro del OnePlus 7 ci sono due fotocamere: la principale con sensore da 48 Megapixel, la secondaria con sensore da 5 Megapixel per la profondità di campo. In diurna gli scatti sono convincenti, mentre in notturna si perde un po’ troppo in termini di dettagli e, soprattutto, la modalità notte non è efficace come quella di concorrenti quali Huawei e Google. Il secondo sensore da 5 Megapixel consente di ottenere, soprattutto in diurna, effetti bokeh (lo sfondo sfocato) che mostrano una naturalezza difficilmente raggiungibile solo via software.

Buoni anche i video, che possono raggiungere la risoluzione 4K a 60 fotogrammi al secondo e beneficiano della stabilizzazione elettronica. Per quanto riguarda i selfie, la fotocamera anteriore da 16 Megapixel lavora bene e convince anche con la modalità ritratto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

File al sicuro online con OneDrive Personal Vault, la cassaforte digitale di Microsoft

prev
Articolo Successivo

I nuovi robot sono sempre più morbidi, utili, versatili ed economici

next