Il mio seno è così grosso che pesa come un neonato, ma non ho i soldi per ridurlo”. L’appello della 20enne single gallese Danielle Markerson è online da diversi giorni. La ragazza non riesce più a sopportare il peso di questo seno gigante che le ha provocato diversi problemi fisici, professionali e sociali. Intanto la ragazza ha un male continuo a spalle e articolazioni, poi è stata licenziata dal suo ultimo posto di lavoro, e infine non riesce può a gestire sguardi di uomini e, soprattutto donne, quando anche solo passeggia sotto casa.

Soffro di ansia, stress e depressione a causa del mio seno. La mia fiducia è crollata perché temo di essere sempre giudicata. Ogni volta che esco sento che ho 10 paia di occhi su di me” ha spiegato Danielle al The Sun. Ora però le servono 6mila sterline per un intervento chirurgico in una struttura sanitaria privata, questo perché già un paio di volte i medici del sistema sanitario nazionale non hanno reputato il suo problema di salute tale da metterlo in conto alla sanità pubblica britannica. “Ho parlato con due medici generici che mi hanno detto che non ci sarebbe stato alcun aiuto da parte dell’NHS (National Health Service ndr) perché non la ritenevano una cosa abbastanza seria su cui investire. Ora vorrei rivolgermi ad un privato, ma sono una madre single e non ho abbastanza soldi per farmi operare”.

La ragazza ha poi spiegato il suo singolare travaglio dovuto agli enormi seni già così formati fin dall’età di 12 anni: “Sono diventate così da un giorno all’altro. E da un giorno all’altro hanno attirato l’attenzione di uomini molto anziani. Quando andavo a scuola per strada i maschi in automobile si fermavano e suonavano il clacson, urlandomi se volevo raggiungerli a casa loro. È stato tutto così disgustoso. Ero solo una ragazzina. Alla fine mia madre mi ha accompagnato a scuola per mesi. A scuola poi fare educazione fisica è stato un incubo, specialmente in discipline come il salto in lungo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Willow Smith, la figlia di Will e l’amore: “Vorrei una relazione con un uomo e una donna. Contemporaneamente”

prev
Articolo Successivo

Danno fuoco a una donna malata di Alzheimer davanti alla gelateria di Pupo

next