Le attrici-detenute della casa circondariale femminile di Rebibbia sono salite sul palco del carcere per mettere in scena ‘’Ramona e Giulietta’’, una rilettura di ‘’Romeo e Giulietta’’, una delle più celebri opere di Shakespeare. Al centro dello spettacolo, durato circa un’ora, la storia d’amore fra due donne che diventa però anche un pretesto per raccontare le sofferenze e la difficoltà di vivere a pieno l’affettività per chi si trova dietro le sbarre.  “‘Non è la prima volta che entro in carcere – ha dichiarato Alessandra, una delle attrici-detenute – ma è la prima volta che faccio teatro ed è anche la prima volta che riesco ad esprimere tutto quel dolore e quella rabbia che portavo dentro.’’ ‘’Questo spettacolo l’ho sentito proprio mio – ha aggiunto Barbara – ho la mia compagna fuori e recitare il momento delle lettere per me è stato molto toccante, mi sono emozionata.’’ Lo spettacolo è il frutto di un laboratorio teatrale organizzato dalla regista Francesca Tricarico in collaborazione con l’associazione Per Ananke, che dal 2013 collabora con la casa circondariale femminile di Roma e che in questi anni ha fatto nascere due compagnie teatrali (Le donne del muro alto e Più voci) producendo 6 spettacoli a cui hanno assistito oltre 1300 spettatori
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aborto, in Germania due ginecologhe condannate perché la legge (ereditata dal nazismo) vieta di informare sul metodo

prev
Articolo Successivo

Disabili, cosa prova chi si prende cura di un proprio caro

next