Selena Gomez, con 152 milioni di follower, è la seconda persona più seguita al mondo su Instagram, preceduta solo da Cristiano Ronaldo. Eppure l’attrice e cantante statunitense si è più volte esposta sull’abuso dei social, soprattutto da parte dei più giovani. In un’intervista con l’Independent, Selena ha addirittura rivelato di aver cancellato l’app di Instagram dal proprio smartphone.  “Mi prendo una pausa dai social media. Di nuovo. Anche se sono grata della voce che danno a ciascuno di noi, sono altrettanto grata di poter fare un passo indietro e vivere la vita reale e i momenti che ho a disposizione” , ha scritto in uno dei suoi amatissimi post.

“Penso che sia diventato davvero malsano per i giovani, me compresa, passare tutto il proprio tempo a fissare quei commenti.  Instagram mi faceva sentire depressa, male con me stessa, mi faceva vedere il mio corpo diversamente“. Nonostante non abbia più l’app sul proprio smartphone, la star ha spiegato di aver comunque trovato un modo per condividere contenuti con i propri follower: “Ce l’ho installato sul telefono di un’altra persona e, quando ho voglia di condividere qualcosa con i miei fan, lo faccio da lì”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Speaker Cenzou è cresciuto tra rap e pizza fritta. E ora festeggia i 20 anni di carriera

prev
Articolo Successivo

Milano, alla fabbrica del Vapore la sesta edizione di “Contaminafro identità in evoluzione”, il festival delle culture contemporanee

next