Dopo averci vissuto per quasi due anni, come “Map & Fork” ci siamo concessi un roadtrip di tre settimane in 11 tappe (ma è possibile adattarlo secondo le proprie esigenze) attraverso deserti, oasi, foreste e colline verdeggianti, terre rosso fuoco arse dal sole e il blu intenso dell’oceano, il tutto in piena estate, al riparo da folle e con temperature non lontane da quelle che si registrano anche in Italia.

1° tappa: Fès – Oum Rabia – Midelt – Immergetevi nel verde

Passiamo per Ifrane con i suoi tetti spioventi e Azrou, attraversando grandi distese verdeggianti. Quest’anno ha piovuto tanto in questa parte del Marocco, e trovandoci in una regione agricola il panorama è lontano dall’immagine da cartolina che si può avere del paese. Colline, cipressi, vigneti e alberi di olivo a perdita d’occhio, ogni tanto una scimmia che scappa appena ci avviciniamo.

2° tappa: Correte tra le dune di Merzouga

Ammiriamo le dune, sempre più alte, i cespugli scompaiono e lasciano il posto a una distesa di sabbia a perdita d’occhio. All’orizzonte, una carovana di turisti passa. Il sole cala e le dune diventano sempre più rosse. Scendiamo dal dromedario per ammirare il tramonto,correre nelle dune, sdraiarci sulla sabbia calda fino a quando il sole non sia totalmente scomparso.

3° tappa:Scoprite Tinghir le gole di Todra

Nel tardo pomeriggio ci dirigiamo verso le Gole di Todra: basta seguire la strada e all’improvviso vi ritroverete in mezzo a queste enormi formazioni rocciose ad entrambi i lati della strada. Prima continuiamo in auto, poi ci fermiamo per passeggiare all’ombra, nel cuore delle Gole. Ancora una volta siamo gli unici stranieri. Ci sono alcuni piccoli stand e venditori di tappeti, ma i marocchini vengono qui soprattutto per approfittare della freschezza del luogo e immergersi un po’ nell’acqua.

4° tappa: dalle gole di Dades a Skoura – Fatevi incantare dalla magia delle kasbah

La regione che attraversiamo potrebbe essere rinominata “la strada delle kasbah” tante ce ne sono, tra costruzioni di tipo tradizionale e hotel e ville che ne imitano l’architettura ancestrale.

5° tappa: Tra Ouarzazate, l’oasi di Fint e Ait Ben Haddou – Tra scenari cinematografici e oasi in mezzo al nulla

Lasciamo Ouarzazate dopo questo ennesimo bell’incontro e arriviamo ad Ait Ben Haddou proprio al tramontare del sole. Attraversiamo rapidamente le stradine della medina per ammirare dall’alto della sua collina la celebre Kasbah, classificata Unesco e dove tra l’altro è stata girata una parte della serie Trono di Spade.

6° tappa: la Kasbah di Telouet – Sentitevi come un Pascià ai piedi dell’Atlante

Nel cuore dell’Alto Atlante, a quasi duemila metri d’altezza, La Qasba di Telouet era la residenza del Pascià fino all’epoca coloniale. Considerato l’ultimo di questi, Thami El Glaoui si era alleato con i francesi contro la famiglia reale dell’attuale dinastia; non esiste la volontà politica a livello nazionale di restaurare e proteggere questa antica dimora che rappresenta un gioiello architetturale nonché una meraviglia per gli occhi.

7° tappa: Taliouine e Taroudant – scoprite le terre dello zafferano e dell’Argan

Cominciamo a notare sempre più numerosi gli alberi di Argan. Questi piccoli alberi, che ricordano quelli della macchia mediterranea, ci incuriosiscono, non avendone mai visti prima ma conoscendo il famoso e prezioso olio che si ricava dai suoi frutti. Ci fermiamo per osservarne le “noci” che a prima vista assomigliano a delle prugne susine gialle, e per fotografare le capre che salgono tranquillamente sugli alberi per mangiarne le foglie.

8° tappa: Mirleft, Legzira e Taghazout – Fate un tuffo nell’Oceano Atlantico

Prima di raggiungere Sidi Ifni ci fermiamo alla spiaggia di Legzira, a qualche chilometro più a nord. Su questa spiaggia si può ammirare un arco di roccia rossa, formato dall’erosione dell’acqua e degli agenti atmosferici.

9° tappa: Lasciatevi incantare da Essaouira 

Pesce fresco in abbondanza,  eleganti bastioni color ocra, la medina di un bianco candido e l’atmosfera rilassata con sottofondo di gabbiani e lo scroscio delle onde, è difficile non innamorarsi di  Essaouira.

10° tappa: Ourika, Demnate… Scoprite la valle felice 

Pendiamo la strada per Demnate, facendo prima un salto a Setti Fatma. Questo luogo, ad un certo livello di altitudine, consente di fare bellissime escursioni e godere della freschezza delle sorgenti termali dei dintorni.

11° tappa: Rinfrescatevi alle cascate di Ouzoud

Indubbiamente un posto da vedere se si visita il Marocco. Temevano, leggendo articoli e blog qua e là, di trovare le cascate “a secco”. Ma grazie a una primavera (2018) più piovosa del solito, il flusso d’acqua è più che soddisfacente e il contrasto tra quest’acqua fresca, la flora e la terra rosso fuoco è sorprendente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Da Vibo Valentia all’Isola d’Elba, col nostro viaggio abbiamo ricucito il mare

prev
Articolo Successivo

Antonio Razzi, il senatore propone un viaggio insieme a lui in Corea del Nord (per 3.100 euro). E i social si scatenano

next