Una donna di 43 anni è stata trovata uccisa con una coltellata e due uomini sono stati trasportati d’urgenza agli ospedali di Vicenza e di Padova: è accaduto fuori da un’abitazione di Montegaldella, comune nell’area dei Colli Berici. Secondo le prime informazioni le due persone sarebbero ferite in modo grave e uno in particolare lotta per la vita. Sul posto i carabinieri della stazione di Longare, raggiunti dai colleghi del nucleo operativo di Vicenza. Stando agli elementi raccolti finora, l’ex convivente di 38 anni si è presentato fuori dall’abitazione dell’ex compagna con un coltello da sub in mano, l’ha colpita per almeno dieci volte fino ad ucciderla, poi ha accoltellato gravemente l’attuale compagno di 45 anni e infine ha rivolto la lama contro di sé nel tentativo di suicidarsi.

Fino ad un mese fa l’uomo – che non ha precedenti – e la vittima vivevano assieme ma quando il rapporto si era interrotto l’omicida aveva lasciato l’appartamento. L’accoltellatore si trova ora in condizioni disperate all’ospedale di Padova per varie lesioni da taglio autoinferte al torace e al collo. Meno preoccupanti, anche se gravi, le ferite del secondo uomo, trasportato all’ospedale di Vicenza.

Secondo la ricostruzione dei Carabinieri, la violenza è cominciata vicino al garage che si trova all’esterno dell’appartamento della vittima, nel quale l’uomo si era recato con la scusa di farsi restituire degli oggetti rimasti in casa dopo la fine della storia d’amore. Non si sa cosa abbia scatenato improvvisamente la furia, forse l’aver visto con i propri occhi il nuovo compagno della vittima o semplicemente le divergenze che l’ex coppia pare avesse per pregresse questioni economiche.

Ad assistere all’aggressione è stata una vicina di casa che ha allertato i Carabinieri, raccontando che un uomo stava ripetutamente accoltellando due persone. All’arrivo dei soccorsi per la donna non c’era più nulla da fare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolzano, si finge medico e abusa di ragazze con disturbi alimentari: arrestato

prev
Articolo Successivo

Venezia, incendio nella notte in una villetta: morta una coppia di anziani

next