“Io ho avuto un problema con l’alcool. Ora non bevo: ho smesso, ho ricominciato, ho rismesso, adesso credo che sia un addio definitivo senza rancore e con poca nostalgia”. La giornalista Maria Giovanna Maglie, ospite di “Belve”, il programma condotto da Francesca Fagnani, in onda su Nove venerdì 7 giugno alle 22.45 affronta il suo passato di alcolista. La conduttrice le ricorda che in un vecchio filmato, trasmesso da Blob, la Maglie era in collegamento da New York e diceva: “Adesso mi vedete così, ma se smetto di bere divento una strafiga”. “Cosa le piaceva bere allora?”, chiede Fagnani. “In realtà, qualche giorno dopo quella cosa rubata di Blob ho smesso di bere per 10 anni”, confessa l’ex inviata. “Beveva molto?”, insiste la sua interlocutrice. “C’è chi fuma, c’è chi si droga e c’è chi sbevazza. Io ho sempre amato sbevazzare – racconta la Maglie ricordando che “quando da ragazzini ci si faceva le canne, io non me le facevo perché altrimenti vomitavo perché siccome mi facevo la grappa, grappa e canna non funzionavano insieme. Quindi io neanche le canne mi sono fatta perché mi facevo il grappino”. Ad aiutarla a smettere per 10 anni il suo arrivo a New York come corrispondente della Rai e l’appoggio di un “mezzo fidanzato” che faceva lo psichiatra di grido nella Grande Mela con il quale fissò anche una data, il 31 gennaio: “Ero reduce da sette mesi quasi otto dalla guerra dal Golfo, dove c’eravamo bevuti il bevibile, ma non solo io, tutti quanti. Era un modo per reggere la noia, lo stress, le giornate a Baghdad. E allora, quando sono arrivata a New York, avevo l’esigenza di essere più fresca, adeguata al luogo. Capitava qualche volta, la mattina, di non ricordare perfettamente la conversazione del giorno precedente”, spiega la saggista veneziana. “E adesso ha ricominciato?”, domanda Fagnani. “No, no, non bevo. Ho smesso, ho ricominciato, ho rismesso, adesso credo che sia un addio definitivo senza rancore e con poca nostalgia”, ammette l’esperta di politica internazionale. “Ma possiamo dire che c’è stato un problema con l’alcol?”, chiede ancora la giornalista. “Sinceramente sì, mi sono resa conto che pur non essendo mai ubriaca o raramente, questo ricordo, soprattutto la sera l’alcol serviva a coprire una lieve depressione”, confessa Maglie.

“Belve” (8 episodi da 30’) è scritto da Francesca Fagnani e prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, su Sky Canale 149 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Belve (Nove), Maria Giovanna Maglie: “Io ghostwriter dei politici? Diciamo consigliere della Meloni e di Salvini”

prev
Articolo Successivo

Belve (Nove), Andrea Delogu: “Ho avuto una storia d’amore con Silvio Muccino poi ci siamo persi di vista”

next