Liam Gallagher si confessa in un’intervista alla rivista Q Magazine e svela di soffrire di artrite che gli provoca problemi nel quotidiano. L’ex cantante degli Oasis, 46 anni, ha ammesso: “I dolori sono forti. Ma posso convincermi anche che sono un po’ rock ‘n’roll, insomma una rockstar”.

Liam ha poi raccontato che i dolori lo colpiscono soprattutto alle articolazioni e ai polpacci e che cerca sollievo nell’agopuntura, così da riuscire a proseguire nella sua attività di cantante, oltre ad avere dovuto limitare il jogging. In questo periodo, Gallagher sta lavorando al suo secondo album da solista e a giugno sarà sul palco al festival di Glastonbury. Nei prossimi mesi, tra l’altro, uscirà un documentario sulla sua prima vita, quella negli Oasis, e i suoi successi più recenti. Il doc si chiamerà As It Was.

I dolori e gli impegni non hanno tuttavia scalfito la sua vena polemica. L’obiettivo preferito? Come sempre il fratello Noel: “La sua nuova musica ricorda il sound di Eurovision”, ha detto a Q Magazine. “Il rock sarebbe morto senza di noi. Oggi  tutti gli artisti sono così gentili tra loro – ha poi aggiunto sarcastico – Meno male che ci siamo noi che ogni tanto agitiamo le acque”.

Restando in ambito famigliare, Liam Gallagher ha anche raccontato del suo rapporto con la figlia Molly, 21 anni, incontrata per la prima volta solo un anno fa su consiglio della sua attuale fidanzata Debbie Gwyther: “Avrei dovuto farlo tanti anni fa – ha ammesso – Ma è stato comunque fantastico. Gli altri miei figli la adorano e Debbie la ama”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Teatro alla Scala, nuova stagione con le star: dalla Prima con la Netrebko in Tosca a un “Ballo” versione Salvatores. Fino al compleanno di Beethoven

prev
Articolo Successivo

Shaggy: “A 50 anni non posso più parlare di fi**. Si cambia, e se non cambi sei stagnante”

next