Volevano togliere dal film droga e sesso…ma fanno parte della mia vita“. Elton John non ha voluto nessuna censura per “Rocketman” il film autobiografico presentato in anteprima al Festival di Cannes. Lui, il cantante preferito della principessa Diana amico intimo di William e Harry, ha voluto espressamente che il biopic fosse il più possibile simile al vero nel raccontare la sua straordinaria vita fatta di eccessi, trasgressioni e genialità. Il film uscirà nelle sale il 29 maggio e a parlarne è stato lo stesso Elton John in un’intervista al Guardian.

“Ero al cinema da quindici minuti quando ho cominciato a piangere. Ma non piangevo una lacrimuccia ogni tanto, singhiozzavo distrutto emotivamente. Guardavo la mia famiglia, mio padre, mia madre, la mia tata, nella vecchia casa di Pinner Hill Road a fine anni ’50, cantando I Want Love, canzone scritta da me e Bernie Taupin nel 2001. Sapevo che era nel film, ma non sapevo come l’avrebbero usata”, ha raccontato il “rocketman”.

Elton John ha rivelato infatti di non aver voluto seguire il film durante le fasi di lavorazione: “Ho dato qualche suggerimento, ho detto sì o no ad alcune importanti decisioni e ci siamo incontrati due o tre volte con Taron Egerton, che mi interpreta. Ma altrimenti mi tenevo alla larga da Rocketman, lasciando che mio marito David [Furnish] fosse il mio sguardo e le mie orecchie sul set ogni giorno. Ho pensato che sarebbe stato scomodo per tutti avere la persona di cui il film parlava in agguato sul set”.

Poi ha aggiunto: “Non sono mai stato molto interessato a guardare indietro alla mia carriera. È successo, sono incredibilmente grato, ma sono più interessato a quello che farò in futuro piuttosto che a quello che ho fatto 40 anni fa. Ma ho cominciato ad affrontare le cose in un modo diverso quando ho avuto figli. Avevo 63 anni quando nacque il nostro primo figlio, Zachary, 65 anni quando è arrivato Elia. Mi è piaciuta l’idea che avessero un film e un’autobiografia, dove ero onesto”. Ed è così che è nata l’idea di “Rocketman”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caso Prati, Eliana Michelazzo: “Donna Pamela aveva modi bruschi e diceva “chiamo mio padre” alludendo ai legami con la criminalità organizzata”

prev
Articolo Successivo

“Il regista voleva una scena di sesso non simulata: grazie al consumo di alcol su set ha raggiunto il suo scopo”

next