Fotografi e registi, sia amatoriali sia professionisti, giocatori e ingegneri probabilmente apprezzeranno l’arrivo in commercio della nuova scheda scheda microSD da 1 TB firmata Sandisk. La popolare azienda produttrice di supporti per l’archiviazione aveva annunciato questo prodotto a febbraio, ora si può trovare in vendita. Il prezzo non è buon mercato, perché online le quotazioni sono nell’ordine dei 600 euro.

Il prezzo elevato è dato dal fatto che si tratta di una delle prime schede microSD da 1 TB, con caratteristiche di altissimo profilo. Si può inserire nello smartphone, ma va bene anche per tablet e droni. Uno dei punti di forza è la certificazione U3, che garantisce un’alta velocità in registrazione e riproduzione dei contenuti. I valori dichiarati sono velocità di lettura fino a 90 MB/secondo e di scrittura fino a 60 MB/sec. È indicata per la registrazione di contenuti in 4K, o di file RAW (quelli grezzi realizzati per esempio dalle fotocamere professionali), che sono sempre molto ingombranti.

Nel caso dei droni questo supporto potrebbe consentire di catturare video ad alta risoluzione trasportando minor peso. A questo riguardo, inoltre, potrebbe fare la differenza anche il fatto che il prodotto Sandisk è testato per funzionare in condizioni estreme, ossia è impermeabile, resistente alle alte e basse temperature, agli urti e ai raggi X.

Sul fronte smartphone, l’applicazione maggiore è prevista in ambito gaming: un così ampio spazio di archiviazione associato a velocità di lettura e scrittura tanto elevate potrebbe dare una notevole accelerazione tecnologica al gaming su piattaforme Mobile e attirare l’attenzione dei giocatori, notoriamente disposti a spendere pur di entrare in possesso degli ultimi ritrovati tecnologici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il taxi volante elettrico di Lilium ha spiccato il volo in Germania, entrerà in servizio nel 2025

prev
Articolo Successivo

DJI Osmo Action è l’action camera indicata per le riprese in 4K con i droni

next