GEORGETTE POLIZZI: “LE DIFENDEVO MA ERANO TUTTE BUGIE, ORA HO PAURA”

Georgette Polizzi, ex concorrente di Temptation Island, fino a pochi giorni fa sui social e in tv ha difeso la primadonna del Bagaglino e le due agenti Pamela Perricciolo ed Eliana Michelazzo. Ora, in un’intervista al settimanale Chi, inguaia le protagoniste della vicenda: “Eravamo nei camerini di Barbara D’Urso, prima di entrare in puntata. Eliana scriveva con un certo “Marco Cal” e lui rispondeva con messaggi audio. L’ho vista, ho sentito l’audio. Entro in puntata e mi rendo conto che le cose non tornavano. Dopo la trasmissione, in camerino, mi girano le scatole e la metto al muro. C’era anche Milena Miconi. Le dico che voglio vedere le foto. Eliana mi mostra delle foto. Ma io non mi fido.”

La Polizzi chiede un incontro per fare chiarezza: “C’è anche Pamela Prati che dice di star male, che sta soffrendo di attacchi di panico e ansia. A quel punto chiedo le prove dell’esistenza di Mark una volta per tutte e Donna Pamela mi fa vedere una foto diversa da quella che Eliana mi aveva mostrato in camerino. Resto scioccata. Perché mi mostrano due immagini diverse? Erano lucide. (…) Devo essere sincera, ora ho paura, mi sento debole. Per loro mi sono esposta. Ho scritto anche sui social: difendevo il loro lavoro perché quando hanno lavorato per me hanno fatto tutto perbene. Poi a Verissimo quando ho sentito parlare di acido e minacce, ho avuto solo dubbi su dubbi. E anche paura. Ciò che mi ha colpito e spinto a parlare sono le bugie dette alla Toffanin, la storia dei pignoramenti che ha negato, le foto diverse di questo marito. Bugie su bugie. Non ce la faccio più. E di tutto quello che ho detto ne ho le prove. Sia chiaro”, ha concluso la Polizzi.

INDIETRO

Pamela Prati, nuove scioccanti rivelazioni sul presunto matrimonio: ma ora la storia finisce in Procura

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chiara Ferragni si sfoga: “L’Italia è l’unico Paese dove Uber non funziona a causa di una stupida legge appena approvata”

prev
Articolo Successivo

The Voice, arriva a sorpresa Giusy Ferreri e Simona Ventura commenta: “Con lei ho avuto cu*o”

next