Enrico Nacca di Roma e Lorenzo Barbero di Cuneo: sono loro i primi vincitori del “Gioca e Vinci Salvini”, il concorso a premi indetto sui social dal ministro dell’Interno. Il meccanismo è semplice: bisogna mettere più like e il più velocemente possibile ai post di Matteo Salvini per poter vincere una foto pubblicata sui suoi canali socia, una telefonata e/o un caffé con lui. Una trovata di marketing da vero influencer, che ha suscitato ironia e critiche sul web.

Come promesso, il leader leghista ha pubblicato i nomi e le foto dei primi vincitori sul suo profilo Instagram, facendo loro le congratulazioni. Data la visibilità della cosa, non è sfuggito a molti il fatto che uno dei vincitori, Lorenzo Barbero, abbia vinto anche una precedente edizione di questa iniziativa, cosa che lui stesso ha confermato all’Adnkronos: “Ho cercato di mettermi d’impegno, con i like, muovendomi su Instagram e gli altri social, mi pare di aver raggiunto oltre 44mila voti”, ha raccontato Barbero che ha solo 18 ma è già candidato con la Lega alle elezioni comunali di Alba. “Oggi o domani aspetto la telefonata-premio di Salvini – ha aggiunto – . Avevo vinto anche l’anno scorso, nel 2018 Matteo mi aveva telefonato ai primi di febbraio, poi a Cuneo l’ho visto e abbiamo fatto una foto insieme”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Bravissimo Lorenzo, vincitore del 7 maggio! Ci sentiamo presto!? #VinciSalvini [Fai punti anche su Twitter e Instagram] ?? Iscriviti anche tu ?? www.vincisalvini.it

Un post condiviso da Matteo Salvini (@matteosalviniofficial) in data:

Non solo, anche l’altro vincitore, Enrico Nacca aveva pubblicato il 3 giugno scorso sul suo profilo una foto che lo ritrae sorridente in compagnia proprio di Matteo Salvini. Così è scoppiata la polemica, con molti utenti che, in Rete, hanno manifestato la propria indignazione per la cosa: “Ma vincono sempre gli stessi?”, dice qualcuno. E ancora: “Il concorso è truccato”, “favoritismo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gino Paoli: “Mi sono sparato per vedere cosa c’era dall’altra parte”

prev
Articolo Successivo

Frosinone, morto il rapper 19enne “Blind laugh”. È precipitato da un parcheggio multipiano

next