Se le mie canzoni piacciono a Matteo Salvini, non ho alcuna responsabilità. Con le dovute differenze, anche Dante è stato letto da cani e porci”. A parlare così è Francesco Guccini ospite al Conservatorio A. Scarlatti di Palermo per un progetto curato dalla Scuola di composizione, coordinata da Marco Betta e Fabio Correnti. E in conferenza stampa è stato chiesto al cantautore cosa pensasse del fatto che il ministro dell’Interno abbia detto, durante la trasmissione Matrix, di essere un fan delle sue canzoni. La risposta è arrivata, insieme a quella sulla’attuale situazione politica del nostro Paese: “Nonostante il razzismo che fasce della popolazione manifestano – i politici, per fini elettorali, percorrono il solco tracciato dalla gente -, non credo che in Italia sia tornato il fascismo, però si sente l’aria”. Oggi alle 17, Guccini incontrerà gli studenti universitari allo Steri e presenterà con Gabriella Fenocchio il suo libro “Francesco Guccini – Canzoni”. L’evento finale dal titolo “Il Conservatorio interpreta Guccini”, che vedrà allievi e docenti del Conservatorio misurarsi con la musica del celebre cantautore, è previsto sabato 11 maggio alle ore 11 al Politeama Garibaldi. Il progetto ha coinvolto la Scuola Jazz, l’Orchestra a plettro, la Balarm Sax Orchestra, l’Ensemble di musica contemporanea e il Coro di voci bianche dell’Istituto.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Viene Salvini a cena da te ma devi fare la spesa per sei”: l’ironia di Twitter dopo il lancio del “gioco a premi” del ministro dell’Interno

prev
Articolo Successivo

Il piccione vola veloce e fa scattare l’autovelox: la foto fa il giro del web

next