Se le mie canzoni piacciono a Matteo Salvini, non ho alcuna responsabilità. Con le dovute differenze, anche Dante è stato letto da cani e porci”. A parlare così è Francesco Guccini ospite al Conservatorio A. Scarlatti di Palermo per un progetto curato dalla Scuola di composizione, coordinata da Marco Betta e Fabio Correnti. E in conferenza stampa è stato chiesto al cantautore cosa pensasse del fatto che il ministro dell’Interno abbia detto, durante la trasmissione Matrix, di essere un fan delle sue canzoni. La risposta è arrivata, insieme a quella sulla’attuale situazione politica del nostro Paese: “Nonostante il razzismo che fasce della popolazione manifestano – i politici, per fini elettorali, percorrono il solco tracciato dalla gente -, non credo che in Italia sia tornato il fascismo, però si sente l’aria”. Oggi alle 17, Guccini incontrerà gli studenti universitari allo Steri e presenterà con Gabriella Fenocchio il suo libro “Francesco Guccini – Canzoni”. L’evento finale dal titolo “Il Conservatorio interpreta Guccini”, che vedrà allievi e docenti del Conservatorio misurarsi con la musica del celebre cantautore, è previsto sabato 11 maggio alle ore 11 al Politeama Garibaldi. Il progetto ha coinvolto la Scuola Jazz, l’Orchestra a plettro, la Balarm Sax Orchestra, l’Ensemble di musica contemporanea e il Coro di voci bianche dell’Istituto.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Viene Salvini a cena da te ma devi fare la spesa per sei”: l’ironia di Twitter dopo il lancio del “gioco a premi” del ministro dell’Interno

next
Articolo Successivo

Il piccione vola veloce e fa scattare l’autovelox: la foto fa il giro del web

next