Si asporta da solo pene e testicoli per diventare “nullo”. La vicenda che ha dell’incredibile arriva dagli Stati Uniti. Il 23enne Trent Gates, da Washington DC, nell’aprile 2016 ha reciso i propri testicoli, mentre nel gennaio 2017, dopo essere venuto a conoscenza di un altro “nullo”, tal Gelding, con un coltellino di ceramica e senza l’aiuto di alcun chirurgo specializzato si è auto evirato. Nella prima operazione avrebbe utilizzato soltanto acqua ghiacciata per cauterizzare la ferita. Per la seconda ha assunto in precedenza degli antidolorifici.

Recentemente su Metro US è apparsa un’intervista in cui Gates ha spiegato i motivi dei suoi gesti. “Non sentivo quelle “cose” come parte di me. Diciamo che sono sulla falsariga dell’essere trans, ma non del tutto. Non desidero essere nemmeno una donna. È una specie di via di mezzo tra i due, un androgino intermedio”. Gates avrebbe scoperto da adolescente alcune foto online di persone che si erano asportate pene e testicoli: “Appena le ho viste è stato come ‘bam’, un giorno io voglio essere così”. Trent sostiene di essere attratto tendenzialmente dagli uomini e che si sente più maschio che femmina.

Il ragazzo si è tolto i testicoli nel suo appartamento, mentre il taglio del pene è avvenuto in una camera d’albergo del North Carolina con a fianco una persona pagata che ha accettato di assistere e chiamare un’ambulanza nel caso la “rimozione” fosse andata male. Per evirarsi Trent ha usato un coltello sterilizzato con alcol, poi è andato in ospedale subito dopo in entrambe le occasioni, dove un chirurgo lo ha ricucito e gli ha dato antidolorifici. Successivamente è stato sottoposto a colloquio con un team di salute mentale che lo ha giudicato infine capace di intendere e volere. Esistono anche foto dell’auto intervento che però Trent avrebbe mostrato soltanto all’intervistatore di Metro US. La cicatrizzazione per entrambi gli interventi è durata diverse settimane mentre per diverso tempo Gates ha usato un catetere per poter urinare. Nell’intervista il neo “nullo” ha spiegato che ama più il sesso ora che non ha più pene e testicoli: “In realtà ho scoperto che i miei orgasmi sono diventati molto più intensi. La prima volta che ho fatto sesso in seguito all’operazione sono quasi svenuto e ho tremato per ore. È stato un orgasmo molto intenso”. Trent oggi dice di sentirsi “più felice”, di sentirsi “più se stesso”, “in un certo senso più libero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili