Le Olimpiadi di Tokyo del 2020 saranno teatro, oltre che dello sport, anche di importanti dimostrazioni tecnologiche. Il comitato organizzatore dei Giochi della XXXII Olimpiade è infatti impegnato nel Progetto Robot Tokyo 2020, per mettere a disposizione degli organizzatori e delle persone disabili che parteciperanno all’evento degli Human Support Robot (HSR) e dei Delivery Support Robot (DSR) che offriranno aiuto alle persone come e quando richiesto.

HSR è un robot basato su ruote che può muoversi autonomamente o essere controllato a distanza. È dotato di un braccio robotico e di una mano che può afferrare oggetti e raccoglierli da terra. Il robot può anche fungere da guida, aiutando le persone a individuare entrate, uscite o strutture. DSR invece può consegnare qualsiasi oggetto venga richiesto tramite l’apposita app per tablet o smartphone. In tutto ai Giochi Olimpici dovrebbero essere presenti 16 robot HSR e 10 DSR, la maggior parte collocati presso lo Stadio Olimpico di Tokyo.

I robot in questione sono realizzati dalle aziende giapponesi Toyota e Panasonic. Minoru Yamauchi dell’azienda automobilistica Toyota ha fatto sapere che i suoi robot possono supportare la vita quotidiana delle persone adattandosi alle necessità e alle richieste delle persone. “Alle Olimpiadi di Tokyo – precisa Yamauchi  – ci saranno molti ospiti in sedia a rotelle e vorremmo che si godessero i Giochi senza preoccuparsi della loro mobilità”.

Panasonic si sta invece concentrando su un esoscheletro che fornisce supporto alla schiena e dell’anca in modo da permettere agli allestitori di sollevare pesi senza farsi male. Ci saranno almeno 20 di questi esoscheletri, atti anche a supportare il trasporto dei bagagli dei visitatori.

Non è finita qui, perché fra le numerose iniziative hi-tech ci saranno anche robo-taxi per trasportare gli appassionati di sport e gli atleti da e verso le loro destinazioni in città, e una tecnologia per il riconoscimento facciale che dovrebbe accelerare le procedure di identificazione di atleti, giudici e giornalisti.

Altro focus riguarda le fonti di energia che saranno impiegate per alimentare i Giochi Olimpici: gli organizzatori mirano ad impiegare solo energia rinnovabile, comprese anche le cosiddette “strade solari” realizzate con una pavimentazione capace di produrre corrente. Non è un inedito, sono stati realizzati progetti simili negli scorsi anni in Francia, negli Stati Uniti, e su alcune piste ciclabili nei Paesi Bassi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Amazon, Alexa sa dove sei. E non tiene il segreto – Replica

next