“Se sei un pezzo di ghiaccio con la tua donna o con il tuo uomo, che stai assieme a fare? Se hai un desiderio, lo devi esplorare con il tuo partner, devi far sentire la tua presenza, anche fisicamente”. Siamo abituati a vederlo fare le peggio cose, come fare a pezzi – letteralmente – i nemici o spingere il suo migliore amico ad ammazzare il padre, questa volta però Salvatore Esposito, il Genny Savastano di Gomorra, racconta il suo lato più privato in un’intervista a Cosmopolitan, in cui ha parlato anche del suo rapporto con il sesso. Con il cosiddetto “rough sex“, il sesso un po’ rude, in particolare.

“Ormai è sdoganato. Un po’ di rudezza serve, fa parte dei rapporti. Magari uno sta cucinando, l’altro torna dal lavoro, cominci a baciarti e strusciarti e parte subito tutto. Quella passione lì, quella voglia di farsi sentire, ha la stessa potenza del sesso, anche se poi non succede niente. Ti tiene vivo, attaccati, è bello” ha detto Salvatore Esposito. “Il posto più strano dove hai fatto l’amore?”, gli chiede quindi l’intervistatrice. “Non nel bagno dell’aereo. Come si fa in un metro per un metro? A malapena ci sto io…”, risponde lui scherzando. “Non è un posto così strano, però ecco la storia. Ero alla fine del liceo e una sera riaccompagnai a casa una ragazza. Fermai la macchina sotto casa dei suoi, la finestra della sala proprio di fianco all’auto – ha iniziato a raccontare Esposito -. Erano le cinque del mattino e lo facemmo lì. Lei però era molto…entusiasta, non so se mi spiego. Diciamo che le piaceva molto, e si sentiva! Io mi rendevo conto che c’era la finestra lì vicino, però ero anche molto preso. Insomma, a ripensarci ora è una cosa che dici: ‘Che cazzata ho fatto’. Ora mi aspetto che mi suonino al citofono: e mi dicano ‘Dai Salvatore, scendi. Ti aspetto in auto’”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Quattro persone nell’ultimo mese sono morte allo stesso modo nel Grand Canyon: è giallo

next
Articolo Successivo

Ciao Darwin, concorrente rischia la paralisi, Mediaset e Paolo Bonolis: “Abbiamo attivato la polizza assicurativa”

next