“Non ci permetteremo di utilizzare il metodo di aggressione verbale che voi avete avuto, perché siamo un’altra cosa”. Esordiva così a palazzo Madama, appena qualche mese fa, il senatore semplice Matteo Renzi, per rimarcare la distanza dalla politica di aggressiva messa in campo da Lega e Movimento 5 Stelle. Renzi è impegnato in questi giorni in una dura offensiva legale contro tutti i suoi detrattori, ha promesso e presentato diverse querele. Ma ripercorrendo discorsi, dichiarazioni e interventi pubblici non si fatica a stanare l’ex premier dem (leggi l’articolo di Daniela Ranieri). Una lunga sequela di accuse, battute infelici e insulti che smentiscono questo proposito, tanto nel passato quanto nel presente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il piano di Salvini per conquistare il Campidoglio: già pronto il programma

next
Articolo Successivo

Sondaggi Europee, Lega vola verso il 37%. M5s in calo al 22,3, Pd indietro al 18,7%

next