“Non ci permetteremo di utilizzare il metodo di aggressione verbale che voi avete avuto, perché siamo un’altra cosa”. Esordiva così a palazzo Madama, appena qualche mese fa, il senatore semplice Matteo Renzi, per rimarcare la distanza dalla politica di aggressiva messa in campo da Lega e Movimento 5 Stelle. Renzi è impegnato in questi giorni in una dura offensiva legale contro tutti i suoi detrattori, ha promesso e presentato diverse querele. Ma ripercorrendo discorsi, dichiarazioni e interventi pubblici non si fatica a stanare l’ex premier dem (leggi l’articolo di Daniela Ranieri). Una lunga sequela di accuse, battute infelici e insulti che smentiscono questo proposito, tanto nel passato quanto nel presente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il piano di Salvini per conquistare il Campidoglio: già pronto il programma

prev
Articolo Successivo

Sondaggi Europee, Lega vola verso il 37%. M5s in calo al 22,3, Pd indietro al 18,7%

next