Se lo contendono alcune delle panchine più ambite del calcio internazionale. Chi allenerà nella prossima stagione Antonio Conte lo si saprà solo a giugno, ma stasera a EPCC, il late night show di Alessandro Cattelan on air ogni giovedì su Sky Uno e sempre disponibile on demand, l’ex tecnico del Chelsea dimostrerà di avere più di un’idea su quale sarà il suo futuro. La puntata di debutto della nuova edizione di E poi c’è Cattelan, in onda giovedì scorso, ospite Marco Mengoni e con l’intervista esclusiva a Jimmy Fallon, è stata vista in settimana da 775mila spettatori medi.

Conte e Cattelan giocheranno all’ormai celebre “Bomber advisor”, in cui  alla scrivania del programma commenteranno le probabilità di ciascuna delle squadre, italiane e non, mostrate da carte che solo loro potranno scoprire. Proveranno così a capire insieme quale spogliatoio l’allenatore leccese ed ex commissario tecnico della Nazionale si troverà a gestire da qui a pochi mesi.

Ma di calcio si è occupata, almeno nei primi anni della sua fortunata carriera, anche l’altra ospite del secondo appuntamento con EPCC: Antonella Clerici. Con la sua spontaneità irresistibile la Clerici si racconterà alla scrivania di Cattelan e si presterà per giocare con lui a un cruciverbone che la riguarda molto da vicino e ad “Ok, il follower è giusto!”, in cui dovrà indovinare il numero dei seguaci di alcuni instagrammer dalle foto del loro profilo.

E poi c’è Cattelan, ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno. Disponibile anche on demand, in mobilità su Sky Go e in streaming su NOW TV

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Alba Parietti vs Barbara D’Urso: “Queste trasmissione sono un tritacarne”. “Io volo alto”

next