Se lo contendono alcune delle panchine più ambite del calcio internazionale. Chi allenerà nella prossima stagione Antonio Conte lo si saprà solo a giugno, ma stasera a EPCC, il late night show di Alessandro Cattelan on air ogni giovedì su Sky Uno e sempre disponibile on demand, l’ex tecnico del Chelsea dimostrerà di avere più di un’idea su quale sarà il suo futuro. La puntata di debutto della nuova edizione di E poi c’è Cattelan, in onda giovedì scorso, ospite Marco Mengoni e con l’intervista esclusiva a Jimmy Fallon, è stata vista in settimana da 775mila spettatori medi.

Conte e Cattelan giocheranno all’ormai celebre “Bomber advisor”, in cui  alla scrivania del programma commenteranno le probabilità di ciascuna delle squadre, italiane e non, mostrate da carte che solo loro potranno scoprire. Proveranno così a capire insieme quale spogliatoio l’allenatore leccese ed ex commissario tecnico della Nazionale si troverà a gestire da qui a pochi mesi.

Ma di calcio si è occupata, almeno nei primi anni della sua fortunata carriera, anche l’altra ospite del secondo appuntamento con EPCC: Antonella Clerici. Con la sua spontaneità irresistibile la Clerici si racconterà alla scrivania di Cattelan e si presterà per giocare con lui a un cruciverbone che la riguarda molto da vicino e ad “Ok, il follower è giusto!”, in cui dovrà indovinare il numero dei seguaci di alcuni instagrammer dalle foto del loro profilo.

E poi c’è Cattelan, ogni giovedì alle 21.15 su Sky Uno. Disponibile anche on demand, in mobilità su Sky Go e in streaming su NOW TV

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto L’Aquila, proteste dei cittadini per la fiction di Rai 1: “Improbabili gang, razzie e bullismo. Tutto falso”

prev
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Alba Parietti vs Barbara D’Urso: “Queste trasmissione sono un tritacarne”. “Io volo alto”

next