Più spazio al cemento per portare lavoro. La promessa è sempre la stessa. Miope come sempre. Giovanni Toti come il centrosinistra che lo ha preceduto in Liguria. Meno parchi, più cemento. E più spazio alle doppiette che portano voti, mentre per la difesa dell’ambiente evidentemente non vota nessuno. Un esempio di cattiva politica. Non è un’opinione, lasciamo che parlino i fatti.

Il turismo vale in Liguria il 15% del Pil. Tagliare i parchi, dare più spazio al cemento prosciuga la prima ricchezza di questa regione ancora splendida: la natura. Perché venire in Liguria se alcune località turistiche ormai sembrano la periferia di Milano e andare sul Mar Rosso costa la metà?

Non basta. La Liguria ha 1,6 milioni di abitanti. Genova ha 600mila abitanti (ne aveva 890mila).Eppure si continua a costruire. Migliaia di case vuote, inutili. Ma soprattutto così gli immobili esistenti perdono valore. Il prezzo al metro quadro di una casa sul mare in molte località della Riviera è dimezzato. Nell’entroterra le case sono spesso invendibili perché l’offerta è molto superiore alla domanda. Eppure si continua a costruire, arricchendo gli imprenditori del mattone e impoverendo i proprietari di immobili.

Nuovi posti di lavoro? Macché. Posti a breve termine. Senza qualificazione particolare. Mentre il turismo di qualità porterebbe più lavoro stabile e milioni di euro di finanziamenti europei. Per riqualificare il territorio. Invece si costruiscono case, porti e centri commerciali. Anche se il cemento è la prima causa delle alluvioni che in Liguria hanno ucciso e devastato il territorio. Si costruisce anche se il cemento apre la strada – lo dice il giudice antimafia Anna Canepa – al cancro della ‘ndrangheta. Che in Liguria ha radici profondissime e fa tanto più danno degli immigrati.

Ma cosa fa la giunta Toti invece per promuovere il turismo? Attribuisce incarichi da decine di migliaia di euro a politici di destra. Stende costosi tappeti rossi. Spende centinaia di migliaia di euro – 800mila – per tappezzare le strade di manifesti. Intanto taglia i parchi. Vota un piano casa perfino peggiore di quello catastrofico del centrosinistra che lo aveva preceduto. E lasciamo perdere che in un luogo intatto si vive meglio. Che la bellezza ci porta felicità, benessere, pensieri migliori. Questo non pare importare a nessuno.

Colpa di Toti? Colpa di Claudio Burlando che c’era prima di lui? O magari colpa di noi liguri che li votiamo e vogliamo riempirci le tasche con il cemento e lasciamo ai nostri figli una terra devastata?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge sfascia-parchi, il geologo: “Così la Regione Liguria peggiora un quadro già a rischio. La prevenzione? Non interessa”

next
Articolo Successivo

Pfas Veneto, in 8 mesi le persone avvelenate sono raddoppiate: “Sostanze pericolose nel sangue di 16mila persone”

next