“Quella del Pd è una lista aperta e unitaria, sarà l’unico baluardo contro il rischio di un Parlamento europeo segnato dai nazionalismi”. A rivendicarlo è stato il segretario dem Nicola Zingaretti, al termine della riunione della Direzione che ha dato il via libera alla lista per le Europee. “Astensioni da parte dei renziani? Supereremo con la campagna elettorale queste diffidenze”, ha replicato il neo segretario dem. Ma lo scontro è rimasto soprattutto sul nodo Mdp, con la presenza in lista di due esponenti come l’eurodeputato uscente Massimo Paolucci e Cecilia Guerra, capogruppo dei fuorisciti al Senato nella scorsa legislatura. “Che valore aggiunto può portare ceto politico? Io ringrazio Mdp per la sua scelta di non disperdere alcun voto, considerata la battaglia che dobbiamo fare contro le destre. Li ringrazio, come ringrazio anche altri partiti come l’Italia dei Valori”. E ancora: “Un primo passo per poi rientrare da parte di Mdp? No, sono loro i primi a non volerlo. Hanno fondato un nuovo partito. La nostra scelta è stata quella di fornire un’alternativa contro la destra”, ha concluso Zingaretti.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Maio all’assemblea del M5s: “Non è un mistero che lavoriamo più di Salvini. Riorganizzazione? C’è bisogno di tempo”

prev
Articolo Successivo

Salvini, il 25 aprile parliamo di antifascismo e solo di quello

next