Il 25 aprile ognuno, privato cittadino, può fare quel che vuole. Stare a casa, andare in gita o sfilare in piazza.

Nessuno costringe nessuno a sfilare con i partigiani. Ma se quel giorno il ministro dell’Interno della Repubblica fondata sulla Costituzione fa finta di fare qualcosa di più importante e si colloca in modo equidistante tra fascismo e antifascismo, rischia di mettersi al confine della Costituzione alla quale ha giurato fedeltà. Brutto confine.

La Costituzione della Repubblica italiana è nata dalle ceneri del regime mussoliniano. Ora, nel 2019, dire – come ha fatto Matteo Salvini – che le manifestazioni del 25 aprile, festa nazionale, sono “una sfilata” (insomma, una passerella di moda milanese) va discusso. E compreso. Discusso non – questi sono fatti loro e degli analisti politici – come un nuovo segno di un’alleanza di governo che scricchiola, anche sulla festa della Liberazione: Luigi Di Maio ha replicato che lui, quel giorno, invece sfilerà con l’Anpi. E va compreso perché le parole di Salvini pongono domande e vanno chiarite ai ragazzi che non conoscono bene la Storia.

Per la cronaca, quel giorno, Salvini ha detto che andrà a Corleone, provincia di Palermo. Perché, questo ha detto il ministro, considera la lotta alla mafia più importante. Il 25 aprile non c’entra nulla, direttamente, con la lotta alla mafia. Anche lì a Corleone, certo, parliamo di una battaglia di liberazione. Tanto che l’Anpi sfila ogni anno il 23 maggio a Palermo accanto ai movimenti antimafia per ricordare gli eccidi di Capaci e via D’Amelio.

I riti spesso sono retorici, se no non sono “riti”. Dalla messa in giù, che si fa la domenica e non il lunedì. Servono a non dimenticare, a fare comunità, a riconoscersi. A dire che la strage di Falcone, come i crimini del nazismo e del suo complice italiano, il regime di Benito Mussolini, sono fatti contrari a un modo civile di vivere insieme, in pace e democrazia.

Certo, per questo, i riti antifascisti e antimafia hanno qualcosa in comune. Ma il 25 aprile parliamo di antifascismo e solo di quello. Il ministro dell’Interno, del resto, la lotta di liberazione dalla mafia la deve sollecitare ogni giorno. Prima, durante e dopo il 25 aprile o il 23 maggio. E’ il suo dovere.

Ma occhio alle parole, ragazzi. Dice Salvini per giustificare la sua gita in Sicilia: “Il 25 aprile non sarò a sfilare qua o là, fazzoletti rossi, verdi, neri, gialli e bianchi. Vado a Corleone a sostenere le forze dell’ordine nel cuore della Sicilia”. E aggiunge, mischiando tutto: “Il 25 aprile ci saranno i cortei dei partigiani e i cortei contro i partigiani. Siamo nel 2019 e mi interessa poco il derby fascisti-comunisti: mi interessa liberare il nostro Paese da camorra e ‘ndrangheta”.

Ma no, il 25 aprile non è un derby. Il 25 aprile “sfilano”, se vogliono, i cittadini italiani fedeli alla Costituzione e contrari agli orrori della dittatura nazi-fascista. Chi sfila contro la Liberazione sfila contro la democrazia. E poi siamo in Italia, che non era – né è mai stata – una “dittatura del proletariato” e qui i comunisti erano socialdemocratici europei. In Italia, tra il 1922 e il 1945, c’era il fascismo alleato dal nazismo, colpevole di sei milioni di ebrei uccisi, anche italiani. E quella festa serve a non dimenticare gli orrori di quella storia.

Se poi uno, da ministro, vuole scegliere una data “retorica” per dare un segno di volontà antimafia ce n’è un’altra vicina vicina, il 1° maggio, sempre in Sicilia. A Portella della Ginestra, monti sopra Palermo, dove nel ’47 il bandito Giuliano e la sua banda spararono sui contadini: 11 morti e decine di feriti. E l’allora ministro dell’interno, Scelba, si schierò con gli agrari, contro i contadini “comunisti”.

Forse quella sì sarebbe una bella data per fare una gita in Sicilia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europee, Zingaretti: “Lista Pd aperta e unitaria. Mdp? Da loro segnale positivo, ma non vogliono rientrare”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco in ginocchio bacia i piedi ai leader del Sud Sudan: “Rimanete nella pace”. Il video del gesto di Bergoglio

next