Il Pd ha scelto tutti i suoi candidati all’Europarlamento. Nelle liste dem per Bruxelles ci sono 39 donne su 76, un terzo non è iscritto al partito e solo due sono gli esponenti di Articolo 1-Mdp. Le scelte di Nicola Zingaretti hanno convinto l’area Martina che in direzione ha votato a favore, mentre si sono astenuti in 30, ovvero i componenti dell’area Lotti e quella Giachetti, le due più vicino all’ex premier Matteo Renzi. La minoranza ha deciso di escludere un voto contrario per “salvaguardare l’unità del partito”.

I due prescelti di Articolo 1-Mdp sono l’eurodeputato uscente Massimo Paolucci e Cecilia Guerra, capogruppo dei fuorisciti al Senato nella scorsa legislatura. Paolucci è al 13esimo posto nella circoscrizione Sud dove il capolista sarà l’ex procuratore Antimafia Franco Roberti, mentre Guerra al numero 9 nella circoscrizione Nordest. “Ho mantenuto l’impegno di non stipulare un accordo politico tra partiti diversi – ha affermato Zingaretti – Articolo 1 sosterrà la lista contro il rischio di vittoria dei sovranisti”.

Il segretario del Pd ha annunciato anche che nel collegio Nordovest sarà candidata Caterina Avanza di En Marche, il movimento del presidente francese Emmanuel Macron. Avanza, 38 anni, è nello staff dell’inquilino dell’Eliseo e alle Europee 2013 era stata candidata di Rivoluzione civile, il movimento dell’ex magistrato Antonio Ingroia.

In lista compaiono anche il medico di Lampedusa, Pietro Bartolo, candidato nei collegi Isole e Centro, e anche lo scienziato Roberto Battiston, ex presidente Asi sostituito dal governo Lega-M5s e marito di una nipote di Romano Prodi. Nel Nord est, in terza posizione, c’è anche l’ex ministro dell’Agricoltura Paolo De Castro. “Non è una lista a mia immagine e somiglianza, è una lista a nostra immagine e somiglianza”, ha spiegato Zingaretti durante la direzione del partito dicendo che “lo slogan di costruire una grande alleanza da Macron a Tsipras è già contenuta nella nostra lista”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libia, incontro riservato tra Conte ed emissari a Roma. Lui alla Camera: “Sono in contatto con Serraj e Haftar”

prev
Articolo Successivo

Assange, Di Battista: “Il governo lo sostenga o è scendiletto Usa”. E M5s: “Grave violazione diritto internazionale”

next