di Linda Maisto, Flora Montepiccolo e Francesco Pastore

È di questi giorni la notizia che nella riviera romagnola i lavoratori stagionali del settore alberghiero chiedono di lavorare in nero, avendo fatto richiesta per percepire il reddito di cittadinanza. Secondo l’Istat è di circa 2 milioni il numero di coloro i quali, pur svolgendo un lavoro irregolare, potrebbero avere accesso alla misura: vale a dire quasi la metà degli aventi diritto. Stando ai dati raccolti da Unimpresa qualche mese fa, la norma che ha introdotto il reddito di cittadinanza è ad alto rischio di manipolazione e può prestarsi alla proliferazione del lavoro nero.

Un soggetto con un reddito mensile inferiore ai mille euro accetta volentieri il licenziamento da parte del datore di lavoro, in quanto potrebbe percepire il reddito di cittadinanza più un salario in nero, più contenuto rispetto a quello regolare. Le condizioni sono favorevoli anche per i datori di lavoro, poiché risparmierebbero notevolmente in termini di costo del lavoro ricevendo le stesse prestazioni. Molte persone potrebbero decidere di mantenere il lavoro nero approfittando del limite dei sistemi di controllo o delle difficoltà dei centri per l’impiego.

Non bisogna sottovalutare inoltre il grado di occupabilità dei percettori del reddito di cittadinanza. Le imprese, infatti, richiedono personale altamente qualificato, mentre la platea a cui fa riferimento la misura riguarda personale dequalificato, che quando lavora ha delle paghe bassissime e un livello di istruzione che spesso non va oltre la scuola dell’obbligo. A ciò si aggiunge una scarsissima conoscenza informatica e dunque va formato profondamente per poter essere inserito nel mercato del lavoro.

Con la diffusione del lavoro nero a rimetterci non è solo l’erario, ma le imprese che subiscono concorrenza sleale. I lavoratori in nero non sono sottoposti a contributi previdenziali, assicurativi e oneri fiscali. Ciò consente alle imprese in cui operano di beneficiare di un costo del lavoro ridotto e quindi di praticare un prezzo finale del prodotto, o servizio, molto più contenuto. Prestazioni che le imprese che operano nel rispetto della legge non sono in grado di offrire. Esiste dunque il rischio reale di assistere a un’esplosione del lavoro nero, nonostante i correttivi posti dal governo con l’assunzione di centinaia di ispettori: considerando dunque la platea, sarà un compito arduo. Si spera quindi che a fungere da deterrente siano le maxi sanzioni previste, che possono arrivare fino a sei anni di reclusione per coloro i quali cercheranno di ingannare lo Stato.

Uno degli obiettivi del reddito di cittadinanza è quello di favorire l’occupabilità ma, a ragion veduta, esiste un problema di fondo dovuto all’eccessiva foga di realizzarlo. Essendo un provvedimento che riguarda molteplici aspetti del Paese (povertà, occupabilità, etc.) doveva essere meglio pianificato, gettando la basi per una sua concreta attuazione. La condizionalità, cioè la richiesta al beneficiario di impegnarsi a cercare un lavoro o accettare una delle tre proposte e non rifiutarle, già di per sé presenta un enorme ostacolo, poiché l’Italia è uno di quei Paesi che presenta il minor numero di posti occupabili disponibili a essere occupati: è dunque utopico pensare di offrire a ciascuno tre occasioni di lavoro se non passano almeno due o tre anni.

Inoltre il lavoro non si crea da solo: occorre far crescere l’economia e per questo si necessitano investimenti nel settore delle infrastrutture o in quello turistico, che da sempre rappresenta un’immensa risorsa per il Paese. Il reddito di cittadinanza darà la possibilità, a molti giovani e non, di formarsi per accedere al mercato del lavoro, e la riforma dei Cpi sarà utile per tutti coloro che ne faranno richiesta: non solo per i beneficiari. La stessa riforma ha previsto diverse assunzioni che si aggiungono alle vacancy prodotte dalla Quota 100, ma anche in questo caso per entrare a pieno regime sarà necessario attendere. Sempre in tema di formazione, per creare lavoro sarebbe necessario avvicinarsi a un sistema di istruzione di tipo duale, per garantire ai giovani una preparazione più completa, tale da consentire un ingresso più agevole nel mercato del lavoro.

In conclusione, quindi, su temi così complessi e in un contesto così difficile come quello italiano sarebbe stato più saggio ampliare gli importi e la platea del Rei, per poi procedere gradualmente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, chiude la boutique di Burberry in via Condotti: affitto raddoppiato, 34 lavoratori rischiano licenziamento

prev
Articolo Successivo

Sevel, dipendente categoria protetta licenziato dopo un’intervista: “Lamentava di essere costretto a lavorare in piedi”

next