I beneficiari del reddito di cittadinanza potranno rifiutare la prima offerta di lavoro del centro per l’impiego o dell’agenzia a cui si iscrivono se il posto dista più di 100 chilometri da casa. E anche la seconda, se la distanza da percorrere supera i 250 chilometri. A partire dalla terza offerta e dopo un anno di fruizione del reddito, invece, bisognerà essere disponibili a spostarsi in qualsiasi zona d’Italia. Saranno esentati solo i disoccupati con figli minori o disabili. Come compensazione per le spese di trasferimento, si continuerà a ricevere il beneficio per tre mesi dall’inizio del nuovo impiego. Sono i nuovi dettagli che emergono dalle bozze del decreto attuativo della misura voluta dal Movimento 5 Stelle, che il Consiglio dei ministri dovrebbe varare entro il 15 gennaio.

Al criterio della congruità “territoriale” si affiancherà quello della compatibilità tra l’offerta e le competenze ed esperienze del disoccupato, aspetto su cui mancano ancora i dettagli. I paletti comunque si restringeranno al termine del primo ciclo di erogazione del reddito, che durerà 18 mesi: chi tornerà a fare richiesta del sussidio dovrà a quel punto accettare in ogni caso le offerte di lavoro lontano da casa, anche se ha figli minori.

I requisiti e gli importi – Per ottenere il reddito, la cui erogazione partirà in aprile, occorrerà avere un Isee sotto i 9.360 euro, non possedere immobili per più di 30mila euro e un patrimonio mobiliare sopra i 6mila euro per i single, 8mila per le coppie e 10mila per nuclei con tre componenti, soglia che sarà maggiorata di 5mila euro se in famiglia c’è un disabile. Il beneficio sarà al massimo di 500 euro mensili per un single, che crescono fino a 900 euro per due adulti e due minorenni e arrivano a 1.050 euro per famiglie con tre adulti e due minorenni. In aggiunta si potranno ricevere 280 euro di contributo affitto o 150 euro per il mutuo. Quanto alla pensione di cittadinanza, riservata agli over 65 senza casa di proprietà, sarà di 630 più 150 euro di contributo affitto per le persone sole e di 882 euro più 150 per l’affitto per le coppie.

Il beneficio per 1,43 milioni di famiglie, compresi gli stranieri residenti da 5 anni – Le tabelle del provvedimento stimano in 1,43 milioni il numero dei nuclei beneficiari della misura, corrispondenti a 4,3 milioni di persone. Nella cifra sono comprese 197mila famiglie di stranieri “eleggibili”, che saranno quelli residenti da almeno 5 anni in Italia e con permesso di soggiorno. Come già noto, i beneficiari saranno per il 47% residenti al Centro Nord e per il 53% al Sud, con Campania e Sicilia in testa per numero assoluto di percettori del reddito. La spesa totale sarebbe di 8,1 miliardi per dodici mesi ma lo stanziamento scende a 6,1 miliardi considerando che il reddito partirà da aprile. Nei primi tre mesi del 2019 chi ora riceve il Reddito di inclusione (Rei) continuerà a percepirlo, cosa che comporterà un costo stimato in circa 400 milioni. Sui 7,1 miliardi del fondo previsto in legge di Bilancio, per i centri per l’impiego resteranno dunque 600 milioni.

Contributi alle aziende che assumono e alle agenzie che trovano il posto – Confermato che le aziende che assumono un disoccupato otterranno un contributo pari alla differenza tra 18 mesi di reddito e quelli già usufruiti dal beneficiario, contributo che sarà aumentato di un mese per i soggetti vulnerabili e sarà comunque non inferiore a sei mesi se viene assunta una donna o un disoccupato di lunga durata. Se l’azienda stipula un patto di formazione con il beneficiario del reddito, il contributo raddoppia. Anche gli enti di formazione bilaterali e gli enti interprofessionali, se stipulano un patto di formazione con un beneficiario al termine del quale il disoccupato ottiene un lavoro, avranno un contributo, che sarà però pari a metà della differenza tra 18 mesi di reddito e quelli già usufruiti dal beneficiario. Sei mesi, invece, nel caso di soggetti vulnerabili. Lo stesso vale per le agenzie per il lavoro che favoriscono l’assunzione di un beneficiario. L’altra metà del contributo va all’azienda che assume.

Stipendio dei direttori dei Centri legato alla performance – Per quanto riguarda i centri per l’impiego, l’operatore (navigator) che segue il disoccupato riceverà un premio salariale pari a un quinto del reddito di cittadinanza del beneficiario, se questo viene assunto. Anche una parte del salario del direttore del Centro sarà variabile, legata alla performance in termini di allocazione dei disoccupati. I direttori ruoteranno ogni quattro anni, trasferendosi in un altro centro nei limiti di 80 chilometri. La rotazione oltre gli 80 chilometri sarà su base volontaria e incentivata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pensioni, in attesa del decreto su quota 100 sono aumentati di 5 mesi i requisiti. Scaduti Ape sociale e Opzione donna

prev
Articolo Successivo

Inps e Inail, verso ritorno ai cda. In fase di passaggio possibile commissariamento

next