Il Salone del Mobile ha aperto ufficialmente le porte dei suoi 205mila mq di superficie che ospitano oltre 2mila espositori. Ma quel che accade in Fiera, a Rho, è ormai da anni solo la parte più istituzionale di quel grande appuntamento che è oggi la Milano Design Week, evento diffuso che coinvolge l’intero capoluogo lombardo e per una settimana lo trasforma con la sua caleidoscopica offerta di iniziative. Perché la Design Week è un fenomeno grande come la città di Milano che per questa occasione si apre letteralmente ai suoi cittadini e al mondo, coinvolgendo il pubblico con iniziative trasversali che rendono alla portata di tutti il complesso temi e argomenti solitamente riservati agli addetti ai lavori.

Via quindi al Fuorisalone che quest’anno può contare su ben quattro sedi per la mostra-evento organizzata dal mensile Interni, anima della Design Week. Agli storici corti dell’Università Statale si sono aggiunti infatti l’Orto Botanico di Brera, l’Arco della Pace e la Torre Velasca, che per l’occasione sarà illuminata di blu. Ma è anche l’anno di due importanti compleanni, quelli dei distretti di Brera e Ventura, che compiono dieci anni.

Ecco allora una selezione di eventi da non perdere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I nuovi cardinali di Francesco, un ritratto inedito della Chiesa di Bergoglio

prev
Articolo Successivo

Quattro mezze cartelle /26: Incendio nel bosco

next