Si sbloccano gli ecobonus per l’acquisto di auto elettriche e ibride previsti dalla legge di Bilancio 2019. Come annunciano il ministero dello Sviluppo e quello dei Trasporti, il decreto che rende operativa la procedura di erogazione dell’incentivo è stato registrato alla Corte dei Conti e sarà ora pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. Con questo provvedimento, spiega la nota, si apre la fase che consentirà ai concessionari di inserire sulla piattaforma dedicata agli ecobonus, già operativa dal primo marzo, l’ordine e la prenotazione dell’incentivo.

Dalla prenotazione si avranno poi fino a 180 giorni di tempo per la consegna del veicolo. Avvenuta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, sarà quindi possibile effettuare la richiesta dell’ecobonus sulla piattaforma aggiornata.

Il bonus va da 1.500 a 6mila euro per l’acquisto, anche in leasing, e l’immatricolazione di un veicolo con emissioni inquinanti di Co2 inferiori a 70 g/km e prezzo da listino ufficiale della casa produttrice inferiore a 50mila euro (Iva esclusa). L’importo del contributo varia a seconda della presenza o meno della contestuale consegna per la rottamazione di un veicolo della stessa categoria omologato alle classi Euro 1, Euro 2, Euro 3 o Euro 4. Il venditore riconosce all’acquirente il contributo sotto forma di sconto sul prezzo di acquisto. Gli incentivi riguardano anche moto, motorini e pulmini di piccole dimensioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rimborsi ai truffati, Tria: “Pagare tutti ma secondo regole”. Conte: “Ci sono vincoli Ue”. E Salvini: “Troppi dossier rinviati”

next
Articolo Successivo

Ghana, così il Paese del padre del panafricanismo si è smarcato dagli aiuti e cresce del 7% diversificando l’economia

next