Da una parte Matteo Salvini e il nuovo flirt con Francesca Verdini, dall’altra la relazione di Luigi Di Maio con la giornalista Virginia Saba. I due vicepremier questa settimana campeggiano sulle pagine del settimanale Chi entrambi alle prese con amori improvvisi e contemporanei: “ll tempismo è sospetto, anche se non si vuole essere malfidenti. C’è una gara tra i due a chi fa prima le cose“, ha dichiarato Alfonso Signorini a Un Giorno da Pecora, programma condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari in onda su Radio1.

Le foto mostrano il bacio tra il politico grillino e la fidanzata: “Di Maio, che mi pare infoiato in modo sospetto, clamoroso. Gli ho dato la caccia per mesi senza portare a casa niente, non batteva chiodo. Ora sembra un liceale col testosterone alle stelle. Nella foto in cui è con la fidanzata a Fontana di Trevi tira fuori due metri di lingua. Quando la mia amica mi ha chiamato dicendomi che Di Maio stava con ‘Virginia’, a me è venuta in mente la Raggi, e mi sono detto: che colpo pazzesco. Poi è venuto fuori che era la Saba”, ha continuato il direttore del giornale edito da Mondadori.

Insomma il gossip politico sembra tornato di moda: “Oggi le donne sono le ragazze della porta accanto, le vicine di casa”, aggiunge Signorini che si sofferma poi sulla vita privata del leader leghista: “Vi rivelo uno scoop: la primissima foto di Salvini con la figlia di Verdini è arrivata al sottoscritto. Dopo averla vista ho chiamato Salvini e gli ho chiesto chi fosse quella ragazza. Lui ha smentito clamorosamente. Mi ha detto: no guarda non c’è nulla, io neanche la conosco. Dopo due giorni però mi sono arrivate altre due foto con lui che camminava con Francesca. L’ho richiamato e gli ho chiesto di nuovo chi era quella ragazza, perché lui non mi aveva detto che era la figlia di Verdini. E questa volta mi ha detto: se son rose fioriranno ma la voglio frequentare, andremo anche al cinema”.  Secondo Signorini la Isoardi, sua ex, non l’avrebbe presa affatto bene: “L’ha presa malissimo, purtroppo. Si è fidanzata con questo Alessandro ma lei ci è rimasta malissimo.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Giorgia rivela: “Ho pensato di voler morire anch’io dopo la scomparsa di Alex Baroni”

next