La prima fase delle politiche attive del governo M5s-Lega, quella di sostegno alle famiglie più povere, è iniziata dopo il 6 di marzo con la richiesta di accesso al redditto di cittadinanza. La fase successiva, quella che dovrà far incontrare i beneficiari, senza occupazione, con la domanda che viene dal mercato del lavoro, comincerà a breve. E i 552 centri per l’impiego italiani ne saranno gli attori principali.

L’esecutivo, nella legge di Bilancio, ha stanziato un miliardo di euro con l’obiettivo, a lungo termine, di riformarli e di assumere nell’immediato 4mila dipendenti (a oggi il personale arriva a circa 8mila unità contro le quasi 100mila della Germania). Stando all’ultimo rapporto di Anpal, però, meno del 3% degli utenti che si rivolgono ai centri trova lavoro. Così, perché il provvedimento fortemente voluto dal M5s e dal ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, funzioni e il reddito di cittadinanza non si configuri soltanto come una misura di assistenzialismo, è necessario che quella percentuale si alzi. Tuttavia le strutture, un po’ in tutta Italia, presentano gravi problemi: i software sono obsoleti, gli addetti occupano la maggior parte del proprio tempo rincorrendo pratiche burocratiche, non esiste una banca dati nazionale e, soprattutto, le aziende faticano a rivolgersi a centri e agenzie del lavoro (solo il 9% lo fa, fonte: INAPP), preferendo fare da sé.

A Milano esiste un centro per l’impiego “virtuoso”. Si chiama Afol Metropolitana, è un’azienda pubblica partecipata da 68 comuni e nel 2017 ha garantito l’avvio di nuovi contratti al 24% dei propri utenti. “Principalmente nei settori della moda, benessere, meccanica, agroalimentare, logistica, commercio, amministrazione e ristorazione” ha spiegato il direttore, Giuseppe Zingale. “Il nostro sistema funziona perché riusciamo a soddisfare le esigenze dei datori di lavoro e perché i nostri addetti sono altamente qualificati. Come fare a estendere il nostro modello a livello nazionale? I passaggi fondamentali sono due. Il primo: i centri per l’impiego e le Regioni devono ‘parlarsi’, il che significa che bisogna creare una banca dati nazionale. Il secondo è che il governo deve mettere intorno a un tavolo la rete delle imprese per far sì che comincino a gestire le proprie vacancy attraverso i centri”.

Twitter: @albmarzocchi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Fnac, lavoratori ancora nel limbo. Napoli emblema della storia infinita tra fallimenti, inchieste e 4 passaggi societari

next