Sono oltre 500.000 gli italiani che si sono rivolti agli sportelli dei Caf, a due settimane esatte dalla apertura delle domande per ottenere il Reddito di Cittadinanza. Lo fa sapere la Consulta Nazionale dei Caf. Gli under 30, i Millennials, rappresentano il 6,8% delle domande presentate e grazie solo al traino del Sud. E’ quanto si ricava da un primo panel che la Consulta Nazionale dei Caf ha elaborato con i dati raccolti in 10 città campione, distribuite tra Nord, Centro e Sud Italia, su 7.964 domande presentate fino al 20 marzo.

Il dato è trascinato da una percentuale al Sud del 10,3%, mentre al nord sono il 4,7% e al centro il 3,2%. “Altro elemento di interesse generale rilevato dall’indagine” spiega una nota della Consulta, “è dato dal numero delle domande dei cittadini stranieri rispetto a quelle dei cittadini italiani: la media nazionale del 9,5% degli stranieri richiedenti il RdC ha un picco al Nord del 15,4%, scende al Centro al 9,3%, per crollare al Sud al 3,4%“. Fondamentalmente 8 domande su 10 vengono depositate dalle famiglie: “Ma mentre al Nord e al Centro il RdC è chiesto da persone singole rispettivamente per il 21% e il 23%, al Sud il numero si abbassa fino al 12,4%“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Malpensa. “Zero ore” in busta paga, contributi e malattia non pagati: così la coop fa la cresta sugli stipendi dei lavoratori

prev
Articolo Successivo

Caporalato, ascoltare Yvan Sagnet mi ha fatto capire quanto Marx sia attuale

next