Sono una cougar, ho 82 anni, vivo a New York e amo il sesso. Le confessioni piccanti di Hattie Retroage sono state raccolte in un’intervista dal Daily Mail. Un vero e proprio ciclone di vivacità e voracità sessuale che per gli over 80 non sembra avere eguali. Hattie, tra l’altro, è un’appassionata utente di Tinder. Ed è quindi online che corrono le nuove frontiere degli incontri anche per chi non è nativo digitale. “Mai avuto un incontro con un uomo che mi voglia fregare”, ha spiegato la donna, due volte mamma, tre volte nonna, e da 35 anni single per scelta dopo il divorzio dal marito. “Anticipo a tutti che se nell’incontro non si crea la chimica giusta non procediamo. Se invece la chimica c’è, si passa a un drink e si va a casa mia”.

Hattie conferma che fa attività sessuale regolare con uomini di 30, 40, 50 anni di meno e con una frequenza molto alta. Una carriera da ballerina, poi lifecoach e infine scrittrice, la Retroage si è separata ed è single dal 1984. Ma nel tempo, soprattutto negli ultimi vent’anni,per avere una vita sessuale attiva ha dovuto rifiutare gli appuntamenti con i suoi coetanei. “Gli uomini anziani non riescono a portare le donne all’orgasmo, è un dato di fatto”, ha spiegato.

Ecco allora la ricerca di toyboy giovanissimi. Proprio con un annuncio su un giornale. “Cerco ragazzo con meno di 82 anni per una relazione amorosa”. E la Retroage viene bombardata di risposte. “Ogni donna deve amare ed onorare il proprio corpo e mantenerlo attivo dopo la menopausa, quindi vi do un consiglio: masturbatevi, per l’amor di Dio”. La 82enne è comunque un fiume in piena: guarda i porno, si percepisce come una donna “multi orgasmica”, e addirittura dà un consiglio agli uomini, più o meno giovani, anche quelli che non hanno intenzione di incontrarla: “ometti, curate il vostro pene, è la vostra forza

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

Il post sull’autoerotismo femminile che donne (e uomini) dovrebbero leggere

next