Sono una cougar, ho 82 anni, vivo a New York e amo il sesso. Le confessioni piccanti di Hattie Retroage sono state raccolte in un’intervista dal Daily Mail. Un vero e proprio ciclone di vivacità e voracità sessuale che per gli over 80 non sembra avere eguali. Hattie, tra l’altro, è un’appassionata utente di Tinder. Ed è quindi online che corrono le nuove frontiere degli incontri anche per chi non è nativo digitale. “Mai avuto un incontro con un uomo che mi voglia fregare”, ha spiegato la donna, due volte mamma, tre volte nonna, e da 35 anni single per scelta dopo il divorzio dal marito. “Anticipo a tutti che se nell’incontro non si crea la chimica giusta non procediamo. Se invece la chimica c’è, si passa a un drink e si va a casa mia”.

Hattie conferma che fa attività sessuale regolare con uomini di 30, 40, 50 anni di meno e con una frequenza molto alta. Una carriera da ballerina, poi lifecoach e infine scrittrice, la Retroage si è separata ed è single dal 1984. Ma nel tempo, soprattutto negli ultimi vent’anni,per avere una vita sessuale attiva ha dovuto rifiutare gli appuntamenti con i suoi coetanei. “Gli uomini anziani non riescono a portare le donne all’orgasmo, è un dato di fatto”, ha spiegato.

Ecco allora la ricerca di toyboy giovanissimi. Proprio con un annuncio su un giornale. “Cerco ragazzo con meno di 82 anni per una relazione amorosa”. E la Retroage viene bombardata di risposte. “Ogni donna deve amare ed onorare il proprio corpo e mantenerlo attivo dopo la menopausa, quindi vi do un consiglio: masturbatevi, per l’amor di Dio”. La 82enne è comunque un fiume in piena: guarda i porno, si percepisce come una donna “multi orgasmica”, e addirittura dà un consiglio agli uomini, più o meno giovani, anche quelli che non hanno intenzione di incontrarla: “ometti, curate il vostro pene, è la vostra forza

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Il post sull’autoerotismo femminile che donne (e uomini) dovrebbero leggere

next