“Ho chiesto e chiedo scusa, non sono sessista. Alle donne affiderei il mondo intero, gli arbitri donna sono migliori degli uomini”, Sergio Vessicchio parla per la prima volta al FqMagazine. Il telecronista di CanaleCinqueTv è finito al centro di un caso mediatico dopo le parole pronunciate durante la partita di Eccellenza tra Agropoli e Sant’Angello: “Prego la regia di seguire l’assistente donna – aveva detto durante la telecronaca, prima ancora che la gara iniziasse – è una cosa inguardabile. E’ uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro ed è una barzelletta della Federazione questa. Eccola, Annalisa Moccia di Nola, una cosa impresentabile per un campo di calcio”. Frasi che, spiega, devono essere interpretate al contrario di quello che tutti hanno capito: “E’ uno schifo quello che si verifica, finiscono nel mirino tra offese, insulti, battutine e ingiurie”. Nel frattempo però TeleColore, una delle tv per cui lavorava, l’ha licenziato.

L’Ordine dei Giornalisti della Campania l’ha sospesa immediatamente.
Immagino per un atto dovuto, sono finito in un tritacarne nelle ultime ore. Mi hanno messo in bocca parole che non ho mai detto.

Il filmato sembra chiaro e la voce è la sua.
Ho sbagliato ma non era quella la mia intenzione, per questo mi scuso. Volevo dire che nel Cilento e in Campania le arbitre donne vengono vessate. E’ uno schifo quello che si verifica, finiscono nel mirino tra offese, insulti, battutine e ingiurie dal momento in cui arrivano sul campo di calcio.

Mi sta dicendo che la sua voleva essere una denuncia a loro favore?
La guardalinee in questione è stata la migliore ieri. Il discorso andrebbe ampliato: perché la partita femminile di ieri Juventus-Fiorentina non l’hanno fatta arbitrare a una donna? Perché una donna non arbitra a livello nazionale? La prima discriminazione la fanno loro, non le fanno arrivare ai vertici. Se lei viene in Cilento si accorgerà di dove si spogliano e dell’assenza di strutture adatte.

Il presidente dell’Aia Marcello Nicchi si è detto sconcertato e ha annunciato che procederà per vie legali.
Alla Federazione non chiedo scusa, per me Nicchi si dovrebbe dimettere. Gravina (presidente della Figc, ndr) dovrebbe prendere una posizione. Gli uomini non devono arbitrare le donne e le donne non devono arbitrare gli uomini.

Come ha reagito la sua emittente, CanaleCinqueTv, che ha trasmesso la discussa telecronaca?
Ha stigmatizzato le mie parole mentre Telecolore, altra tv con cui collaboro da dodici anni, mi ha licenziato questa mattina. Ho ricevuto molti insulti, stanno tutti strumentalizzando le mie parole. Non è una questione di sessismo o di razzismo, ho scritto un libro sull’integrazione tunisina ad Agropoli. Ho una sensibilità enorme, ho detto quelle cose perché l’Agropoli viene vessato da due anni circa da arbitri maschi. La Federazione è uno schifo.

Lo scorso anno era finito nel mirino per una frase sull’ex interista Luis Nazario Ronaldo: “Un cesso che va a trans”. Una frase piuttosto dura.
E’ vero sono un pochino duretto, voi del Fatto Quotidiano siete insegnanti su questo. O mi sbaglio?

Si sbaglia, qui parliamo di insulti.
A Ronaldo avevo detto soltanto che era un chiattone che va a trans.

Di Federico Ruffo, giornalista di Report, ha detto che è un comunista e in quanto tale non credibile, riferendosi all’inchiesta sulla Juventus.
Confermo, ha fatto deragliare una inchiesta che poteva portare lontano indirizzandola verso la Juventus. Il problema delle curve è un problema che riguarda tutti.

Nella sua foto profilo su Twitter compare dietro Luciano Moggi, lei è un tifoso bianconero?
Sì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Enciclopedia Treccani spiega Myss Keta: “‘Pazzeska?’ La narratrice racconta di una notte di eccessi”

prev
Articolo Successivo

Michele Mirabella contro Chiara Ferragni: “Ha inventato il modo di non lavorare e guadagnare i milioni. E’ premio nobel della furbizia”

next