“Ho letto sui social che abbiamo litigato ma ti sei dimenticato di dirmelo“, scherza così Enrico Mentana con Massimo Giletti durante il collegamento al TgLa7 per il lancio della nuova puntata di Non è l’Arena. Un chiaro riferimento alle voci circolate nei giorni scorsi per la maratona elettorale del direttore sulle elezioni regionali in Basilicata a discapito del talk del giornalista torinese, tensioni tra i due che sarebbero state superate con un accordo sugli orari di messa in onda: Non è l’Arena fino a mezzanotte e a seguire lo speciale del telegiornale.

Giletti chiamando in causa i problemi di audio non risponde ma si sofferma sulla distanza dei loro studi: “Che tempi erano quelli, chissà cosa succederà il prossimo anno da qua. Vedremo quello che succederà”, rafforzando le voci che lo vorrebbero nuovamente in Rai la prossima stagione. Mentana prova a tirar fuori la notizia: “Se ce lo dici facciamo una bella anteprima, non solo della puntata, ma anche di quello che succederà l’anno prossimo”.

“Sei tu che sai tutto”, replica Giletti con Mentana che ha la battuta pronta: “Non vorrei che facessi Non è non è l’Arena“. Il giornalista coglie però l’occasione per lanciare una frecciatina questa volta direzione Cologno Monzese: “Quello lo ha già fatto la D’Urso con Non è la D’Urso“, il titolo infatti sembrava richiamare all’idea di La7 che a sua volta richiamava Non è la Rai di Boncompagni. Al netto delle polemiche, vere o presunte, la staffetta ha funzionato dal punto di vista auditel. Non è l’Arena ha sfiorato il 7% di share mentre lo Speciale TgLa7 fino a notte fonda ha ottenuto quasi l’8%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Domenica In, Milly Carlucci in lacrime ricorda Fabrizio Frizzi: “Avevamo un rapporto intenso, eravamo molto legati”

prev
Articolo Successivo

Gomorra, la quarta stagione su Sky: 12 episodi in cui niente è come sembra. Il trailer

next