Siamo state punite  per aver venduto sale a dei deficienti che ci hanno creduto“: è la frase choc che Wanna Marchi ha detto in diretta su Canale 5 a “Live – Non è la D’Urso“, la trasmissione di Barbara D’Urso a cui ha partecipato assieme alla figlia Stefania. “Dopo 18 anni (tutto è incominciato infatti dopo un servizio di Striscia la Notizia del novembre 2001 che ha fatto scattare le indagini ndr.) vi sembra che abbiamo espiato abbastanza? O dobbiamo tornare dentro? Perché sapete la ruota gira! Sono stata alla presentazione di un libro dove c’era Roberto Formigoni che veniva sempre a mangiare al mio ristorante… fece finta di non conoscermi. Ora Formigoni sta a Bollate”, ha incalzato Stefania Nobile.

Madre e figlia hanno scontato nove anni e sei mesi di carcere per bancarotta fraudolenta, truffa aggravata e associazione per delinquere finalizzata alla truffa e ora hanno iniziato una nuova vita gestendo un ristorante in Albania. Le due hanno partecipato al “due contro tutti” e in studio la situazione si è fatta subito tesa: “Chi commette reati gravi come le violenze non fa un giorno di galera, noi li abbiamo scontati tutti e pure di più. Avremmo potuto patteggiare e non l’abbiamo fatto. Sappiamo gli sbagli che abbiamo fatto“, ha aggiunto ancora Stefania, assecondata dalla madre. “A mattino 5 hanno fatto vedere i chirurghi plastici e delle persone squartate e noi siamo state punite per aver venduto sale a dei deficienti che ci hanno creduta”, ha detto la Marchi tra i fischi del pubblico, proseguendo poi: “Io sono molto serena ho chiuso la partita con la giustizia, meno vengo in Italia e meglio sto”.

A Barbara D’Urso è toccato il difficile compito di placare gli animi in studio, chiedendo poi a Wanna Marchi di lanciare un messaggio chiaro in pure stile Marchi: “Non credete a maghi e truffatori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Viva l’Italia”, Francesco Bonazzi presenta il libro sulla situazione economica del nostro paese: “Meglio di come pensiamo”

next