È morto stamattina al policlinico Gemelli, a Roma, l’attore e autore Mario Marenco. L’artista, 85 anni, era ricoverato da qualche giorno. Architetto e designer ha legato la sua carriera prima radiofonica e poi televisiva a Renzo Arbore, realizzando con lui e Gianni Boncompagni Alto Gradimento, e poi praticamente tutte le trasmissioni televisive di Arbore, da Quelli della notte a Indietro tutta dove interpretava l’indimenticabile Riccardino. Ad Arbore Marenco era legatissimo anche perché nati entrambi a Foggia. “Sono sotto choc. Sto andando a Foggia”.

Il bimbo con la mollettina rosa non è stato l’unico personaggio. Aveva creato maschere come il Colonnello Buttiglione, la Sgarambona, l’astronauta spagnolo Raimundo Navarro, il dottor Anemo Carlone, il professor Aristogitone, Verzo, Ida Lo Nigro, il poeta Marius Marenco, Mr. Ramengo e appunto Riccardino.

Marenco, classe 1933, si era laureato in architettura nel 1957 all’Università di Napoli, ottenendo poi borse di ricerca a Stoccolma e Chicago. Nel 1960 aveva aperto un atelier di architettura e design, lo Studio Degw con sede a Roma, collaborando con le più importanti case automobilistiche italiane per la realizzazione dei loro stand espositivi. Poi  il debutto in televisione con Cochi e Renato e Enzo Jannacci nel programma “Il buono e il cattivo”. Il successo nel 1970 con il programma radiofonico Alto gradimento scritto con Giorgio Bracardi e condotto dagli stessi Arbore e Boncompagni, con la figura del Colonnello Buttiglione, uno stralunato alto ufficiale dell’Esercito Italiano. Era stato poi Mr. Ramengo nel programma “L’altra domenica”, strampalato inviato che, successivamente al reportage urlava “Carmine!”. È stato poi protagonista dei programmi tv Odeon (1976-78) e L’uovo e il cubo.

Negli anni Ottanta Marenco partecipa a diverse trasmissioni televisive, da Sotto le stelle (di Magalli, Minellono, Marenco e Boncompagni) con il personaggio del professore Aristogitone, ma è con il Riccardino di Indietro tutta (1985) che il pubblico inizia ad amarlo. Marenco è stato attore per il cinema, autore di libri umoristici. Nel 2006 si esibì in coppia col performer Nicola Vicidomini. Sempre con quest’ultimo, nel 2007 ha curato la codirezione artistica della rassegna Salvaguardia Testa Festival a Roma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Paolo Vallesi: “Ci sono stati momenti in cui nessuno mi rispondeva al telefono e avevo paura di guardare Wikipedia. Poi Ora o mai Più con la grande Ornella…”

next
Articolo Successivo

Luciano Zazzeri, trovato morto nel garage di casa lo chef stellato de “La Pineta”

next