Quelli de Le Iene hanno deciso di fare uno scherzo a Linus, lo storico conduttore di Radio Deejay. Solitamente molto sospettoso, questa volta ci è cascato in pieno. L’inviato della trasmissione di Italia 1, Alessandro di Sarno, ha coinvolto la moglie e il figlio 20enne di Linus, che ha finto di essere fidanzato con una “milf”, una signora di 40 anni che, oltre ad avere famiglia, si finge anche la professoressa di Filippo.

Tutto inizia una sera a cena, il ragazzo riceve un messaggio da M. C. seguito da un bel cuoricino. La mamma, anche lei complice gli fa un sacco di domande, mentre invece Linus difende il figlio e minimizza: “Ha una ragazza, mica si sta sposando”. La notte successiva però, Filippo la porta a casa di nascosto e dormono insieme: la mattina, quando Linus si sveglia, incontra la donna e scopre che è molto diversa dall’immagine che si era fatto di quella che potesse essere la fidanzata di suo figlio. Incalzato dalla moglie, il conduttore prende male la cosa e perde la calma. Non va meglio una volta arrivato in radio, dove c’è Nicola Savino (anche lui complice) che lo prende in giro durante la diretta.

Alla fine, anche il figlio più piccolo entra in scena e gli presenta la sua fidanzata settantenne: così Linus capisce subito che è stato vittima di uno scherzo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristiano Ronaldo, il suo ultimo business? La clinica per il trapianto dei capelli

next
Articolo Successivo

Artonauti, arriva il primo album di figurine dedicato alla storia dell’arte

next