Sono una moribonda che fa finta di stare bene”. Così si definisce Lory Del Santo in un’intervista al settimanale DiPiù mesi dopo la morte del figlio Loren, che si è tolto la vita l’estate scorsa. Reduce dall’esperienza del Grande Fratello Vip, la showgirl tira le somme: “Il reality non mi è servito a dimenticare. Sono brava a mentire, è quello che mi salva. E allora mi armo di un sorriso smagliante, esco e faccio finta di vivere”, ha raccontato.

Poi, Lory Del Santo ha ricostruito quanto accaduto quella notte, quando le arrivò dagli Stati Uniti la telefonata che annunciava la morte del figlio: ricorda tutto nitidamente e dice di esser rimasta come paralizzata per due giorni, senza neanche riuscire a piangere. “Mi sono distrutta la mente in questo periodo per capire se umanamente si poteva fare qualcosa per aiutarlo, ma difficilmente si possono aiutare casi di questo genere – aveva detto lo scorso settembre a Verissimo -. Ho un solo senso di colpa: l’ultima volta che ci siamo visti non gli detto ‘ti voglio bene’ anziché baciarlo e basta. Niente altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Michela Andreozzi, l’attrice insultata sui social per una battuta sulla Lazio: “Accetto critiche ma non il bullismo che sto subendo”

prev
Articolo Successivo

Vola con il bimbo piccolo e regala agli altri passeggeri caramelle e tappi per le orecchie. Il biglietto: “Mi chiamo Junwoo e ho 4 mesi…”

next