Beyoncé e Jay-Z hanno incoronato la “loro” regina d’Inghilterra. Èd è Meghan Markle. Le due star dell’hip-hop erano infatti a Londra per ritirare il premio vinto ai Brit Awards per la migliore band internazionale e con l’occasione hanno omaggiato la duchessa del Sussex, Meghan Markle, creando un suo ritratto in cui indossa la corona di diamanti e le collane di perle che siamo soliti vedere indosso alla “vera” regina, Elisabetta II. Beyoncé e Jay-Z hanno poi posato davanti al ritratto, rifacendo quella che è diventata la scena simbolo del videoclip della loro canzone “Apeshit”, girato al Louvre tra famosissime opere d’arte che ritraggono quasi esclusivamente persone dalla pelle bianca, tra cui la Gioconda di Leonardo Da Vinci.


È ed è proprio a lei che Beyoncé in un post su Instagram paragona la moglie del principe Harry proprio alla Mona Lisa. “In onore del mese della Storia nera (celebrato a febbraio negli Stati Uniti), ci inchiniamo a una delle nostre ‘Monna Lisa nere’“, scrive la cantante pubblicando foto e video della cosa. Il riferimento è alle origini afroamericane dalla madre di Meghan, il cui ritratto in stile rinascimentale è un’illustrazione realizzata da Tim O’Brien e utilizzata in questo ambito all’insaputa dell’artista.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Beyoncé (@beyonce) in data:

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La più grande fabbrica di Nutella al mondo blocca la produzione per “difetti qualitativi”

next
Articolo Successivo

Nicolò De Devitiis chiede scusa dopo intervista a Zaniolo e alla madre: “Cercherò di risolvere tutto questo”

next