L’intramontabile Vespa, simbolo dell’Italia che tenta di lasciarsi la guerra alle spalle, è un gioiellino su due ruote che fa innamorare oggi come fosse ancora la prima volta; come se settanta anni di progresso sociale ed economico non fossero mai passati, né per “lei”, né per chi continua a desiderarla e sceglierla come mezzo di trasporto quotidiano. Ora, a ricordarci che la Vespa ne ha di storia da celebrare e viaggia sulle strade d’Italia da più di settant’anni, ci ha pensato la Zecca dello Stato, con una speciale collezione numismatica dedicata.

Presentata presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, la moneta è stata creata dal Poligrafico in collaborazione con il Gruppo Piaggio e con le incisioni della medaglista Maria Carmela Colaneri. Realizzata in argento fiori di conio, è disponibile in tre varianti di colore (verde, bianco e rosso) e riporta sul dritto la “Primavera”, la Vespa con il design moderno di oggi con in sella una coppia di giovani, mentre sul retro la prima versione del 1946 e il valore nominale di 5 euro.

È possibile acquistare sul sito dell’Istituto della Zecca sia la singola moneta al prezzo di 40 euro, sia il trittico a rappresentare la bandiera italiana, che con il cofanetto si trova al prezzo di 100 euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Lamborghini Miura SV restaurata di Jean Todt al Rétromobile di Parigi

prev
Articolo Successivo

Honda Tomo, il prototipo dello IED di Torino debutta al salone di Ginevra – foto

next