Achiviata la 69° edizione con la vittoria di Mahmood è tempo di bilanci. Promossi e bocciati: chi merita il paradiso, il purgatorio e l’inferno festivaliero?

PARADISO

PIO E AMEDEO: I due comici pugliesi sono la vera rivelazione del Festival. “Chi lo avrebbe mai detto?”, hanno ripetuto in coro quelli che non si definiscono loro fan. Invece hanno fatto sorridere tutti  prendendo in giro l’italiano medio e tirando fuori perfino battute politicamente scorrette. Risate vere.

Sanremo 2019, ecco chi metteremmo in Paradiso, all’Inferno e in Purgatorio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sanremo 2019, Ramazzotti ha fatto il miracolo. E basta con queste critiche inutili

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, la classifica finale: solo quarta Loredana Berté, ultimi Nino D’Angelo e Livio Cori

next