/ di

Giorgio Simonelli Giorgio Simonelli

Giorgio Simonelli

Docente di Storia della televisione e di Giornalismo televisivo

Sono professore associato di Giornalismo radiofonico e televisivo e di Storia della radio e della televisione all’Università cattolica di Milano dove quest’anno ho ideato il master Fare radio. Ideazione, produzione e gestione dei prodotti radiofonici di cui sono direttore scientifico.

Ho scritto e continuo a scrivere volumi e saggi sui registi cinematografici, sulla storia, il linguaggio, i generi e i contenuti della comunicazione radiofonica e televisiva. Vi risparmio titoli ed editori facilmente rintracciabili. Ho scritto anche per riviste e quotidiani tra i quali non posso fare a meno di citare la Voce. Negli ultimi anni ho collaborato intensamente a programmi televisivi delle reti Rai ( Tv talk di Rai educational e ora di Rai tre, I grandi discorsi della storia di Rai storia, Intramontabili di Rai premium) e a qualche trasmissione radiofonica( Mix 24 di Radio24). Mi piace dare il mio contributo come organizzatore di eventi a manifestazioni culturali e l’ho fatto con Antennacinema di Conegliano e Padova, Festivaletteratura di Mantova, Premio Smeraldo regia televisiva di Amalfi, Lectorinfabula di Conversano, Festival di poesia civile di Vercelli.

Il mio blog parlerà soprattutto di televisione, osservando i vari fenomeni della tv italiana e cercando di leggere, attraverso le sue immagini, i problemi le tendenze e le emergenze della vita sociale, culturale e politica.

A proposito di politica, e a scanso di equivoci, confesso che qualche anno fa anch’io sono sceso in campo, assumendo la carica di coordinatore del circolo del PD della mia città, Vercelli. Carica e partito che ho lasciato nel 2012.

Blog di Giorgio Simonelli

Media & Regime - 15 Aprile 2019

‘Fabio Fazio lo paghi Macron’. Se il programma della Meloni è questo, qualcosa non va

Nella domenica in cui Giorgia Meloni è assurta al ruolo di protagonista della scena politica nazionale (il che già la dice lunga sul livello dei protagonisti) c’è una cosa che mi ha colpito. Non è il suo ennesimo appello a Salvini perché lasci gli attuali alleati per rimettere insieme una maggioranza di centrodestra (con quali […]
Sport & miliardi - 29 Marzo 2019

Lancio un appello, un grido d’aiuto: salviamo San Siro!

Questa volta il mio intervento sul blog non contiene un’analisi, una tesi da dimostrare, un’opinione da discutere. Questa volta è un appello, un grido di aiuto, un sos: Salviamo San Siro! O anche: Non Mettiamoci il Cuore in Pace. Il perché di quest’ultimo titolo ve lo spiego dopo. Dunque pare che ci sia una forte […]
Media & Regime - 1 Marzo 2019

Mattia Feltri mette insieme il cardinale Pell e Marcinkus. Per me c’entrano come i cavoli a merenda

Leggo sempre il Buongiorno di Mattia Feltri su La Stampa, non perché apprezzi in modo particolare la prosa dell’autore, né trovi particolarmente interessanti le sue pillole di saggezza. Lo faccio però quotidianamente e un po’ ossessivamente per vedere se e quando riuscirà a superare il suo record di strampalatezza informativa. Il record l’ha stabilito un […]
Televisione - 21 Febbraio 2019

ThyssenKrupp, perché stavolta le Iene meritano un plauso

Di solito non ho grande simpatia per il giornalismo delle Iene. Mi sembra che il loro scandalismo, il loro modo beffardo di intervistare e poi di montare le interviste, le loro letture della realtà che si presumono anticonformiste ma spesso sono solo bastian contrarie non giovi alla causa. Nell’universo ienizzato tutto è trattato allo stesso […]
Televisione - 10 Febbraio 2019

Sanremo 2019, Ramazzotti ha fatto il miracolo. E basta con queste critiche inutili

©AndreaRaffin / KikaPress Era partita un po’ moscia l’ultima serata di Sanremo. Sarà stata l’emozione, il timore di affrontare le cinque ore di diretta con le inevitabili polemiche per i verdetti, la noia di spiegare per l’ennesima volta il macchinoso regolamento ricorrendo a soluzioni a volte spiritose a volte meno. Sta di fatto che la […]
Televisione - 9 Febbraio 2019

Sanremo 2019, Arisa e Tony Hadley sono stati meravigliosi. Che delusione Ligabue

©AndreaRaffin / KikaPress Credo che ben pochi dei miei 25 lettori se lo ricordino. Ma molti anni fa, nei mitici Sessanta e per un pezzo dei Settanta, a Sanremo le canzoni in gara si eseguivano due volte. Prima nella versione originale italiana affidata a un cantante nostrano, poi in una versione mista, con qualche parola […]
Musica - 8 Febbraio 2019

Sanremo 2019 è davvero lo specchio del nostro Paese. Gli insulti a Bisio ce lo confermano

Tutto bello (o quasi) ieri sera a Sanremo. Bello, degno di un musical il balletto iniziale sulle note di Viva l’Inghilterra; bella l’idea di far mimare a Bisio le norme del regolamento; bello il gioco di errori e conflitti generati dal “fiore” della canzone di Endrigo. Persino il rischiosissimo duetto verbale e canoro tra Virginia […]
Televisione - 7 Febbraio 2019

Sanremo 2019, la seconda serata è la più difficile. E ieri ci ha lasciato un rammarico

La seconda serata di Sanremo – si sa – è la più difficile. Se la prima è andata bene c’è il rischio di un calo di concentrazione, se è andata male l’urgenza di riscattarsi può giocare brutti scherzi. Teniamo dunque conto di questa regola nel giudicare quanto di buono e di cattivo ci ha offerto […]
Televisione - 22 Gennaio 2019

Adrian, di questo Celentano francamente me ne infischio

Premessa: vado pazzo per Celentano, inteso come cantante. La cosa va avanti da 60 anni, da quando cantava Sei rimasta sola e poi è continuata con 24 mila baci, Il tangaccio (chi se lo ricorda?), Il ragazzo della via Gluck, ovviamente, Azzurro e chi più ne ha più ne metta. E ancora mi vengono i […]
Televisione - 27 Dicembre 2018

Programmi tv, i migliori (e i peggiori) del 2018

Eccoci di nuovo, come ogni anno. Puntuale come il panettone, l’albero di Natale e i regali da spacchettare arriva la mia classifica dei buoni e dei cattivi televisivi dell’anno. Spero che non sia uno di quei regali poco graditi che si mettono via per riciclarli alla prossima occasione. Di una cosa, comunque, potete essere certi: […]
Radio Radicale, Crimi conferma: “Governo intende non rinnovare la convenzione. C’è Rai Parlamento che è servizio pubblico”
Comunicazione e web, le pagelle dei politici. Ma nella ‘gara’ social perdono tutti

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×