La terza serata del Festival di Sanremo 2019 sarà ricordata anche per il grande omaggio di Serena Rossi a Mia Martini, con un’interpretazione da brividi di “Almeno tu nell’universo”. È stato uno dei momenti più intensi della kermesse: prima Claudio Baglioni ha chiesto a Virginia Raffaele di leggere il brano di “Mi basta solo che sia un amore”, tratto da “Oltre la collina”, il primo disco dell’artista sorella di Loredana Bertè morta nel 1995. Quindi è salita sul palco la Rossi, che ha fatto un’interpretazione strepitosa, destinata a lasciare il segno.

Dopo essersi presa gli applausi dell’Ariston però, Serena,  che interpreta Mia Martini nella fiction di Rai1 “Io sono Mia“, si è lasciata andare ad uno sfogo. “Se pensavo a lei prima di conoscerla – ha detto l’attrice – pensavo a un’ingiustizia, a una violenza, a una discriminazione. E invece era una grandissima artista, una grande donna”. Quindi ha aggiunto: “Stasera vorrei chiederle veramente scusa per tutto quello che le hanno fatto. Questo film è un atto d’amore per lei, per te Mimì!”. Scontata, e sentita, l’ovazione dell’Ariston.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festival di Sanremo 2019, presidente Vigilanza Rai contro gli spot di quota 100 e reddito: “Inopportuni. E generano mancati introiti”

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2019, le pagelle di Silvia Truzzi: Baglioni “cazzia” Bisio (che è la vera nota dolente del Festival)

next