Una sagoma di cartone raffigurante il ministro dell’Interno Matteo Salvini che si fa un selfie con la felpa della polizia è apparsa stamattina sotto i portici di piazza Vittorio, nel centro di Roma. Accanto una teca con pistole finte. È la nuova provocazione firmata dallo street artist Sirante, già autore di altre opere nella Capitale, come la rivisitazione del quadro ‘I bari’ di Caravaggio con lo stesso Salvini, Luigi Di Maio e Silvio Berlusconi, quella de ‘L’incendio del borgo’ di Raffaello con Matteo Renzi che ‘porta in salvo’ Berlusconi e di nuovo Salvini dipinto seduto come un mendicante.

La sagoma trovata questa mattina all’angolo con via Machiavelli prende di mira la legge sulla legittima difesa (non ancora approvata), come si legge sulla teca: “Norme di comportamento in caso di EMERGENZA. Si rende noto a tutti gli utenti che ogni abuso verrà giustificato e premiato. Non siamo in grado di garantire la tua sicurezza. PROTEGGITI”.

Dopo la segnalazione sul posto sono intervenute la polizia del commissariato Esquilino e la Digos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M6nths, il cortometraggio “contro le gabbie” che mostra il punto di vista di un maialino in un allevamento intensivo

prev
Articolo Successivo

Stadio Roma, Virginia Raggi: “Si farà, i cantieri possono partire entro l’anno” Politecnico: “Ok, ma potenziare ferrovie”

next